L'Angelus (prima settimana del mese)

Pagina 19 di 20 Precedente  1 ... 11 ... 18, 19, 20  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: L'Angelus (prima settimana del mese)

Messaggio  Jalisse il Mer Giu 07, 2017 6:02 am

Madre Jalisse si recò come sempre nella Chiesa San Benedetto per pregare perle preghiere del MERCOLEDI'

Si unì ai congratelli, e cominciò a recitare con loro:


Iniziò con l'Invocazione:

Michele, Arcangelo della Giustizia, *difendici da Satana, demone dell'Invidia.

Lettura
Quando i suoi amici furono al sicuro, egli restò solo e per sei giorni salvò coloro che potevano essere salvati.
Il settimo giorno c’erano ancora persone da salvare ma nessuna barca. Come per miracolo apparvero altre due imbarcazioni, egli invitò dunque coloro che avevano il cuore puro a salire su queste barche. Sembrava capace di leggere nel cuore della gente se la loro fede era reale e inviava sulla prima barca coloro che giudicava degni e sulla seconda coloro che fuggivano per paura o per salvare le proprie ricchezze. Vedendo le due imbarcazioni piene, si rifiutò di salire, dicendo che Dio aveva una missione per lui e che sentiva di dover restare per salvare altri amici. Arrivata all’uscita della città la prima barca prese senza intoppi il largo, mentre la seconda più pesante per l’oro portato fu bloccata dai fondali bassi.

Continuò poi con il Salmo:

Se il tuo occhio destro ti porta verso ciò che non ti è destinato
*strappalo e brucialo,
perché è meglio che una parte di te muoia
*piuttosto che attiri su di te la collera di Dio.
Sono venuto a portare le parole di speranza di Dio
*verso coloro che non si sono allontanati da lui
perché numerose sono le comunità di fedeli
*che percorrono il mondo in attesa dei profeti
che li riuniranno nell’amore
*e nell’amicizia.

Poi fu il momento della Preghiera:

Signore, imploriamo la tua misericordia,
una misericordia che illuminerà i nostri cuori,
ci farà comprendere i nostri errori,
ci guiderà verso la strada della giustizia
e ci allontanerà dal peccato.
Benedici la Chiesa e tutti i tuoi figli
e fai in modo che l'amicizia
sia la guida che ci conduce, la giustizia lo scopo che perseguiamo e la pace il bene che troviamo.
San Michele Arcangelo,
angelo della Giustizia,
quando siamo prigionieri dell’odio e dell’invidia,
della menzogna e dell’ingiustizia,
aiutaci a tornare sulla via della virtù.

Ed infine il momento dell'Invocazione Finale:

Michele, Arcangelo della Giustizia, *difendici da Satana, demone della Superbia.

Terminato di pregare, Madre Jalisse si recò insieme agli altri, al refettorio per il pranzo.

_________________


Monsignora Jalisse Borgia Hohenstaufen
Monaca Capitolare dell'Abbazia di Fornovo
Arcivescovo di Siena
Prefetto dell'Inquisizione
Decano della Facoltà di Teologia dell'Università della Repubblica di Firenze

Visitate l'Abbazia Cistercense di Fornovo
avatar
Jalisse
Confessore dell'Abate
Confessore dell'Abate

Messaggi : 4998
Data d'iscrizione : 10.11.14
Località nei RR : Volterra

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Angelus (prima settimana del mese)

Messaggio  Jalisse il Gio Giu 08, 2017 11:06 am

A mezzodi', i monaci cistercensi si recavano nella cappella San Benedetto, in quanto accessibile anche ai visitatori esterni e non solo a chi soggiornava in Abbazia, in questo modo chi avesse voluto avrebbe potuto pregare per loro...
con il nuovo messale il salmo e le preghiere erano specifiche a seconda della settimana, Madre Jalisse quindi aprì il messale posizionandosi sul salmo e sulle preghiere specifiche per la prima settimana di ogni mese e in modo particolare  per il giorno di GIOVEDI'.

Iniziò quindi con l'introduzione:

Uriele, Arcangelo della Generosità, *difendici da Belial, demone dell'Invidia.

Poi fu il momento della Lettura

La creatura senza nome andò poi a parlare all’orecchio di Uriele, ma questi, conoscendo le sue intenzioni, non lo volle ascoltare, perché più si fosse lasciato tentare, più sarebbe stato difficile resistere. Raccogliendosi in preghiera, si mise in ginocchio[...]. Questo giovane era benedetto da Dio, era certo, era stato scelto affinché donasse la sua vita per questo mondo. Davanti a tale forza e benedizione la Creatura senza nome non poteva più niente e, sebbene l’avesse tentato altre volte, non riuscì mai a convincere Uriele, neanche per un momento.

Al quale seguì il Salmo

Solo Dio è sovrano,
*solo Dio è il Signore.
Hai dato dei talenti, alle Tue creature.
*Ciascuna di esse ha il suo posto nella Tua creazione.
Il suo talento permette a ciascuna di esse di trovarlo.
*Siamo tutte egualmente amate da te
e dobbiamo tutti amarti in cambio.
*Poiché, senza Te, non esisteremmo.
Ci hai creati mentre nulla Ti costringeva
*e dobbiamo amarti per ringraziarti di questo.


Recitarono poi tutti insieme la Preghiera

“O Dio altissimo,
padre dell’umanità
e onnipotenza divina,
chiudi le mie orecchie
alle tentazioni
e apri i miei occhi
all’amore senza fine che tu mi dai,
che io possa donare a coloro che devono ricevere,
amare coloro che devono essere amati,
sapendo sempre
che se io non fossi là,
qualcun altro sarebbe là per farlo
perché sei Tu che parli attraverso la mia bocca
e che operi attraverso le mie mani.
Perdona mio fratello e tutti gli altri,
non sanno quello che fanno.”


Arrivando all'Invocazione finale

Uriele, Arcangelo della Generosità, *difendici da Belial, demone dell'Invidia.

_________________


Monsignora Jalisse Borgia Hohenstaufen
Monaca Capitolare dell'Abbazia di Fornovo
Arcivescovo di Siena
Prefetto dell'Inquisizione
Decano della Facoltà di Teologia dell'Università della Repubblica di Firenze

Visitate l'Abbazia Cistercense di Fornovo
avatar
Jalisse
Confessore dell'Abate
Confessore dell'Abate

Messaggi : 4998
Data d'iscrizione : 10.11.14
Località nei RR : Volterra

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Angelus (prima settimana del mese)

Messaggio  Jalisse il Ven Giu 09, 2017 9:12 am

Suonata la campana di mezzodì, Madre Jalisse lasciò i suoi le sue occupazioni  per recarsi in Cappella per la recita dell'Angelus del  VENERDI',
insieme ai suoi confratelli.

Aperto il Messale, iniziò con la lettura dell'Invocazione a San Silfaele, Arcangelo del Piacere:


Silfaele, Arcangelo del Piacere, *difendici da Lucifero, demone dell'accidia.

Quindi lesse ai confratelli la Lettura dell'Angelus del Sabato:

In quei tempi tumultuosi per la città viveva un giovane chiamato Silfaele di Hedon. Sapeva brillare in società, era dotato di talenti in tutte le arti, ma ciò che gli procurava l’ammirazione della sua cerchia era la sua straordinaria capacità di assaporare ogni istante della vita.
[...] Silfaele, re delle notti di Oanilonia, gustava tutti i vini, poi appena titubante cominciava a dare il suo concerto di lira in favore dell’associazione “saggezza riunita di Oane”. Si vedevano allora le torce dei suoi adulatori sconvolti, inviarlo dritto al firmamento.
Spesso l’indomani all’aurora e dopo che aveva trovato nuove fonti di piacere studiando con Colomba, non era raro vedere Silfaele preparare una tisana al capezzale di un Lucifero dai tratti rovinati, nauseati, livido.
“Tu confondi piacere e felicità, mio povero Luc!” lo ammoniva Silf mentre il suo amico si preparava ad una giornata di mortificazioni e autopunizioni di tutti i generi perché come una banderuola folle Lucifero il volubile non cessava di passare da una sete di piacere estremo ad un abbattimento colpevole e deprimente “e così affatichi il tuo corpo molto duramente con incessanti privazioni e eterni eccessi”.


Seguì la recita, a cori alterni, del Salmo:

Tu confondi piacere e felicità
*la virtù è il piacere stesso!
Dio ci ha dato i sensi per gustarlo
*e perché l’amore della vita restasse l’Amore
Chi entra in depressione spirituale,
*che resta passivo, che non ha più gusto per la vita,
e che ignora la sua soddisfazione
*non arriverà a raggiungere il sole.


e dopo il Salmo responsoriale la Preghiera:

San Silfaele,
angelo del Piacere
scaccia da me peccatore l’accidia,
la dimenticanza, l’ignoranza, la trascuratezza;
ed ogni pensiero malvagio,
e dalla presunzione,
e liberami da tutte le mie cattive azioni
di notte e di giorno.



Chiuse la recita dell'Angelus con l'Invocazione all'Arcangelo del Piacere:

Silfaele, Arcangelo del Piacere, *difendici da Lucifero, demone dell'accidia

Con piacere, terminata la preghiera comunitaria dell'Angelus, raggiunse insieme ai confratelli il refettorio per la consumazione del pranzo quotidiano.

_________________


Monsignora Jalisse Borgia Hohenstaufen
Monaca Capitolare dell'Abbazia di Fornovo
Arcivescovo di Siena
Prefetto dell'Inquisizione
Decano della Facoltà di Teologia dell'Università della Repubblica di Firenze

Visitate l'Abbazia Cistercense di Fornovo
avatar
Jalisse
Confessore dell'Abate
Confessore dell'Abate

Messaggi : 4998
Data d'iscrizione : 10.11.14
Località nei RR : Volterra

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Angelus (prima settimana del mese)

Messaggio  Jalisse il Sab Giu 10, 2017 11:01 am

A mezzodì del SABATO Madre Jalisse si recò con i confratelli per la preghiera dell'Angelus

Iniziò quindi con l'Invocazione

Silfaele, Arcangelo del Piacere, *difendici da Lucifero, demone dell'accidia.

Proseguì con la Lettura
In quei tempi tumultuosi per la città viveva un giovane chiamato Silfaele di Hedon. Sapeva brillare in società, era dotato di talenti in tutte le arti, ma ciò che gli procurava l’ammirazione della sua cerchia era la sua straordinaria capacità di assaporare ogni istante della vita.
[...] Silfaele, re delle notti di Oanilonia, gustava tutti i vini, poi appena titubante cominciava a dare il suo concerto di lira in favore dell’associazione “saggezza riunita di Oane”. Si vedevano allora le torce dei suoi adulatori sconvolti, inviarlo dritto al firmamento.
Spesso l’indomani all’aurora e dopo che aveva trovato nuove fonti di piacere studiando con Colomba, non era raro vedere Silfaele preparare una tisana al capezzale di un Lucifero dai tratti rovinati, nauseati, livido.
“Tu confondi piacere e felicità, mio povero Luc!” lo ammoniva Silf mentre il suo amico si preparava ad una giornata di mortificazioni e autopunizioni di tutti i generi perché come una banderuola folle Lucifero il volubile non cessava di passare da una sete di piacere estremo ad un abbattimento colpevole e deprimente “e così affatichi il tuo corpo molto duramente con incessanti privazioni e eterni eccessi”.

Recitò il Salmo

Tu confondi piacere e felicità
*la virtù è il piacere stesso!
Dio ci ha dato i sensi per gustarlo
*e perché l’amore della vita restasse l’Amore
Chi entra in depressione spirituale,
*che resta passivo, che non ha più gusto per la vita,
e che ignora la sua soddisfazione
*non arriverà a raggiungere il sole.


e dopo il Salmo la Preghiera

San Silfaele,
angelo del Piacere
scaccia da me peccatore l’accidia,
la dimenticanza, l’ignoranza, la trascuratezza;
ed ogni pensiero malvagio,
e dalla presunzione,
e liberami da tutte le mie cattive azioni
di notte e di giorno.



ed infine all'Invocazione:
Silfaele, Arcangelo del Piacere, *difendici da Lucifero, demone dell'accidia
Finito di pregare tutti insieme si recarono in refettorio.

_________________


Monsignora Jalisse Borgia Hohenstaufen
Monaca Capitolare dell'Abbazia di Fornovo
Arcivescovo di Siena
Prefetto dell'Inquisizione
Decano della Facoltà di Teologia dell'Università della Repubblica di Firenze

Visitate l'Abbazia Cistercense di Fornovo
avatar
Jalisse
Confessore dell'Abate
Confessore dell'Abate

Messaggi : 4998
Data d'iscrizione : 10.11.14
Località nei RR : Volterra

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Angelus (prima settimana del mese)

Messaggio  Jalisse il Dom Giu 11, 2017 10:34 am

Suonato il mezzogiorno insieme ai suoi confratelli per la recita dell'Angelus della DOMENICA

Si iniziò con la lettura dell'Invocazione a San Silfaele, Arcangelo del Piacere:


Silfaele, Arcangelo del Piacere, *difendici da Lucifero, demone dell'accidia.

Quindi lesse ai confratelli la Lettura dell'Angelus del Sabato:

In quei tempi tumultuosi per la città viveva un giovane chiamato Silfaele di Hedon. Sapeva brillare in società, era dotato di talenti in tutte le arti, ma ciò che gli procurava l’ammirazione della sua cerchia era la sua straordinaria capacità di assaporare ogni istante della vita.
[...] Silfaele, re delle notti di Oanilonia, gustava tutti i vini, poi appena titubante cominciava a dare il suo concerto di lira in favore dell’associazione “saggezza riunita di Oane”. Si vedevano allora le torce dei suoi adulatori sconvolti, inviarlo dritto al firmamento.
Spesso l’indomani all’aurora e dopo che aveva trovato nuove fonti di piacere studiando con Colomba, non era raro vedere Silfaele preparare una tisana al capezzale di un Lucifero dai tratti rovinati, nauseati, livido.
“Tu confondi piacere e felicità, mio povero Luc!” lo ammoniva Silf mentre il suo amico si preparava ad una giornata di mortificazioni e autopunizioni di tutti i generi perché come una banderuola folle Lucifero il volubile non cessava di passare da una sete di piacere estremo ad un abbattimento colpevole e deprimente “e così affatichi il tuo corpo molto duramente con incessanti privazioni e eterni eccessi”.


Seguì la recita, a cori alterni, del Salmo:

Tu confondi piacere e felicità
*la virtù è il piacere stesso!
Dio ci ha dato i sensi per gustarlo
*e perché l’amore della vita restasse l’Amore
Chi entra in depressione spirituale,
*che resta passivo, che non ha più gusto per la vita,
e che ignora la sua soddisfazione
*non arriverà a raggiungere il sole.


e dopo il Salmo responsoriale la Preghiera:

San Silfaele,
angelo del Piacere
scaccia da me peccatore l’accidia,
la dimenticanza, l’ignoranza, la trascuratezza;
ed ogni pensiero malvagio,
e dalla presunzione,
e liberami da tutte le mie cattive azioni
di notte e di giorno.



Chiuse la recita dell'Angelus con l'Invocazione all'Arcangelo del Piacere:

Silfaele, Arcangelo del Piacere, *difendici da Lucifero, demone dell'accidia

Con piacere, terminata la preghiera comunitaria dell'Angelus, raggiunse insieme ai confratelli il refettorio per consumare il  pranzo quotidiano.

_________________


Monsignora Jalisse Borgia Hohenstaufen
Monaca Capitolare dell'Abbazia di Fornovo
Arcivescovo di Siena
Prefetto dell'Inquisizione
Decano della Facoltà di Teologia dell'Università della Repubblica di Firenze

Visitate l'Abbazia Cistercense di Fornovo
avatar
Jalisse
Confessore dell'Abate
Confessore dell'Abate

Messaggi : 4998
Data d'iscrizione : 10.11.14
Località nei RR : Volterra

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Angelus (prima settimana del mese)

Messaggio  Jalisse il Lun Lug 03, 2017 9:19 am

Al suono della campana di mezzodì, Madre Pamela, lasciate le proprie occupazioni, raggiunse la cappella per recitare, insieme all'Abate e ai confratelli, l'Angelus del LUNEDI'

aprendo la preghiera comunitaria con l'introduzione:


"Angelus Domini hominem *protexit in Oanilonia.
Gli umani si erano abbandonati al peccato a tal punto * che Dio aveva deciso di punirli,
tuttavia, sette umani avevano capito * l’errore che avevano commesso.
Ma Dio vide che i sette puri avevano dimostrato che gli umani erano capaci di pentimento e umiltà.
*Li innalzò al sole ed essi furono benedetti da un’eternità di felicità in Paradiso.."



Innalzarono quindi l' Invocazione a San Gabriele, Arcangelo della Temperanza:
Gabriele, Arcangelo della Temperanza, *difendici da Leviatano, demone dell'Ira.


Lesse quindi la lettura propria del giorno:


Gabriele capì immediatamente che l’ora della caduta di Oanilonia era arrivata.
Decise di andare subito ad avvisare tutti coloro che aveva incontrato e l’aveva seguito sulla via della virtù per salvarli.
Cominciò dall’avvisare il suo amico Alcisde, l’armatore del “Que-Bec”, perché preparasse la barca ad imbarcare tutti quelli che Gabriele avrebbe portato, al fine di salvarli.
Percorse tutte le strade di Oanilonia, dicendo a tutti quelli che conosceva di andare al porto e di imbracarsi sul “Que-Bec”, raccomandandosi di non portare niente che potesse appesantire la braca. Quando tornò al porto accompagnato da quattro orfani, vide Leviatano che, con gli occhi folli di furia e collera, lanciava un’enorme trave sulla barca, che cadendo sulla sua vela lo rese prigioniero della città. Mentre una risata tonante da folle usciva dalla gola di Leviatano, Gabriele, ascoltando solo la sua fede, saltò sul ponte per aiutare a liberare il “Que-Bec”. La trave era molta alta e Gabriele, che era molto forte, propose di fare del suo corpo una scala. Prese un asse, che teneva tra le mani e disse ad uno dei marinai: “Sali sul mio corpo, mi puoi usare come una scala”. Questi riuscì così ad arrampicarsi sino alla trave e liberare la barca. Tutti allora gridarono: “Viva Gabriele che fece del suo corpo una scala, viva il “Que-Bec” libero!”.


Dopo di che recitarono insieme, a cori alterni, il salmo:

Questo giorno è un giorno totalmente nuovo,
*non è mai esistito e non esisterà mai più.
Prendete dunque questo giorno e fatene una scala.
**Per raggiungere le più alte vette.
Non permettete che la fine del giorno
*Vi trovi simili a come eravate all’alba
Perché domani potrebbe essere il giorno in cui sarete giudicati.



E a seguire la preghiera a San Gabriele Arcangelo:

San Gabriele Arcangelo,
angelo della Temperanza,
apri le nostre orecchie
ai dolci avvertimenti
e agli appelli pressanti dell’Altissimo.
Tieniti sempre davanti a noi,
ti scongiuriamo,
affinché comprendiamo bene
la parola di Dio,
affinché lo seguiamo,
affinché gli obbediamo
e adempiamo a ciò che vuole da noi.
Aiutaci a restare svegli,
affinché, quando arriverà,
il Signore non ci trovi addormentati.




Infine, terminarono la recita dell'Angelus con l' invocazione finale a San Gabriele Arcangelo:


Gabriele, Arcangelo della Temperanza,

*difendici da Leviatano, demone dell'Ira


Finita la recita comunitaria dell'Angelus, insieme all'Abate e ai confratelli, lasciò la cappella dirigendosi verso il refettorio per il pranzo.

_________________


Monsignora Jalisse Borgia Hohenstaufen
Monaca Capitolare dell'Abbazia di Fornovo
Arcivescovo di Siena
Prefetto dell'Inquisizione
Decano della Facoltà di Teologia dell'Università della Repubblica di Firenze

Visitate l'Abbazia Cistercense di Fornovo
avatar
Jalisse
Confessore dell'Abate
Confessore dell'Abate

Messaggi : 4998
Data d'iscrizione : 10.11.14
Località nei RR : Volterra

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Angelus (prima settimana del mese)

Messaggio  Pamelita il Lun Lug 03, 2017 10:33 am

Al suono della campana di mezzodì, Madre Pamela, lasciate le proprie occupazioni, raggiunse la cappella per recitare, insieme all'Abate e ai confratelli, l'Angelus

aprendo la preghiera comunitaria con l'introduzione:


"Angelus Domini hominem *protexit in Oanilonia.
Gli umani si erano abbandonati al peccato a tal punto * che Dio aveva deciso di punirli,
tuttavia, sette umani avevano capito * l’errore che avevano commesso.
Ma Dio vide che i sette puri avevano dimostrato che gli umani erano capaci di pentimento e umiltà.
*Li innalzò al sole ed essi furono benedetti da un’eternità di felicità in Paradiso.."



Innalzarono quindi l' Invocazione a San Gabriele, Arcangelo della Temperanza:
Gabriele, Arcangelo della Temperanza, *difendici da Leviatano, demone dell'Ira.


Lesse quindi la lettura propria del giorno:


Gabriele capì immediatamente che l’ora della caduta di Oanilonia era arrivata.
Decise di andare subito ad avvisare tutti coloro che aveva incontrato e l’aveva seguito sulla via della virtù per salvarli.
Cominciò dall’avvisare il suo amico Alcisde, l’armatore del “Que-Bec”, perché preparasse la barca ad imbarcare tutti quelli che Gabriele avrebbe portato, al fine di salvarli.
Percorse tutte le strade di Oanilonia, dicendo a tutti quelli che conosceva di andare al porto e di imbracarsi sul “Que-Bec”, raccomandandosi di non portare niente che potesse appesantire la braca. Quando tornò al porto accompagnato da quattro orfani, vide Leviatano che, con gli occhi folli di furia e collera, lanciava un’enorme trave sulla barca, che cadendo sulla sua vela lo rese prigioniero della città. Mentre una risata tonante da folle usciva dalla gola di Leviatano, Gabriele, ascoltando solo la sua fede, saltò sul ponte per aiutare a liberare il “Que-Bec”. La trave era molta alta e Gabriele, che era molto forte, propose di fare del suo corpo una scala. Prese un asse, che teneva tra le mani e disse ad uno dei marinai: “Sali sul mio corpo, mi puoi usare come una scala”. Questi riuscì così ad arrampicarsi sino alla trave e liberare la barca. Tutti allora gridarono: “Viva Gabriele che fece del suo corpo una scala, viva il “Que-Bec” libero!”.


Dopo di che recitarono insieme, a cori alterni, il salmo:

Questo giorno è un giorno totalmente nuovo,
*non è mai esistito e non esisterà mai più.
Prendete dunque questo giorno e fatene una scala.
**Per raggiungere le più alte vette.
Non permettete che la fine del giorno
*Vi trovi simili a come eravate all’alba
Perché domani potrebbe essere il giorno in cui sarete giudicati.



E a seguire la preghiera a San Gabriele Arcangelo:

San Gabriele Arcangelo,
angelo della Temperanza,
apri le nostre orecchie
ai dolci avvertimenti
e agli appelli pressanti dell’Altissimo.
Tieniti sempre davanti a noi,
ti scongiuriamo,
affinché comprendiamo bene
la parola di Dio,
affinché lo seguiamo,
affinché gli obbediamo
e adempiamo a ciò che vuole da noi.
Aiutaci a restare svegli,
affinché, quando arriverà,
il Signore non ci trovi addormentati.




Infine, terminarono la recita dell'Angelus con l' invocazione finale a San Gabriele Arcangelo:


Gabriele, Arcangelo della Temperanza,

*difendici da Leviatano, demone dell'Ira


Finita la recita comunitaria dell'Angelus, insieme all'Abate e ai confratelli, lasciò la cappella dirigendosi verso il refettorio per il pranzo.
avatar
Pamelita
Priore
Priore

Messaggi : 5760
Data d'iscrizione : 28.08.12
Località nei RR : Pavia ( ducato di Milano)-Vicario Generale dell'Arcidiocesi di Milano-Vescovo di Pavia.

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Angelus (prima settimana del mese)

Messaggio  Jalisse il Mar Lug 04, 2017 9:13 am

Angelus del MARTEDI'

iniziò con l'introduzione:


"Angelus Domini hominem *protexit in Oanilonia.
Gli umani si erano abbandonati al peccato a tal punto * che Dio aveva deciso di punirli,
tuttavia, sette umani avevano capito * l’errore che avevano commesso.
Ma Dio vide che i sette puri avevano dimostrato che gli umani erano capaci di pentimento e umiltà.
*Li innalzò al sole ed essi furono benedetti da un’eternità di felicità in Paradiso.."



Innalzarono quindi l' Invocazione a San Gabriele, Arcangelo della Temperanza:
Gabriele, Arcangelo della Temperanza, *difendici da Leviatano, demone dell'Ira.


Lesse quindi la lettura propria del giorno:


Gabriele capì immediatamente che l’ora della caduta di Oanilonia era arrivata.
Decise di andare subito ad avvisare tutti coloro che aveva incontrato e l’aveva seguito sulla via della virtù per salvarli.
Cominciò dall’avvisare il suo amico Alcisde, l’armatore del “Que-Bec”, perché preparasse la barca ad imbarcare tutti quelli che Gabriele avrebbe portato, al fine di salvarli.
Percorse tutte le strade di Oanilonia, dicendo a tutti quelli che conosceva di andare al porto e di imbracarsi sul “Que-Bec”, raccomandandosi di non portare niente che potesse appesantire la braca. Quando tornò al porto accompagnato da quattro orfani, vide Leviatano che, con gli occhi folli di furia e collera, lanciava un’enorme trave sulla barca, che cadendo sulla sua vela lo rese prigioniero della città. Mentre una risata tonante da folle usciva dalla gola di Leviatano, Gabriele, ascoltando solo la sua fede, saltò sul ponte per aiutare a liberare il “Que-Bec”. La trave era molta alta e Gabriele, che era molto forte, propose di fare del suo corpo una scala. Prese un asse, che teneva tra le mani e disse ad uno dei marinai: “Sali sul mio corpo, mi puoi usare come una scala”. Questi riuscì così ad arrampicarsi sino alla trave e liberare la barca. Tutti allora gridarono: “Viva Gabriele che fece del suo corpo una scala, viva il “Que-Bec” libero!”.


Dopo di che recitarono insieme, a cori alterni, il salmo:

Questo giorno è un giorno totalmente nuovo,
*non è mai esistito e non esisterà mai più.
Prendete dunque questo giorno e fatene una scala.
**Per raggiungere le più alte vette.
Non permettete che la fine del giorno
*Vi trovi simili a come eravate all’alba
Perché domani potrebbe essere il giorno in cui sarete giudicati.



E a seguire la preghiera a San Gabriele Arcangelo:

San Gabriele Arcangelo,
angelo della Temperanza,
apri le nostre orecchie
ai dolci avvertimenti
e agli appelli pressanti dell’Altissimo.
Tieniti sempre davanti a noi,
ti scongiuriamo,
affinché comprendiamo bene
la parola di Dio,
affinché lo seguiamo,
affinché gli obbediamo
e adempiamo a ciò che vuole da noi.
Aiutaci a restare svegli,
affinché, quando arriverà,
il Signore non ci trovi addormentati.




Infine, terminarono la recita dell'Angelus con l' invocazione finale a San Gabriele Arcangelo:


Gabriele, Arcangelo della Temperanza,

*difendici da Leviatano, demone dell'Ira


Finita la recita comunitaria dell'Angelus, insieme all'Abate e ai confratelli, lasciò la cappella dirigendosi verso il refettorio per il pranzo.

_________________


Monsignora Jalisse Borgia Hohenstaufen
Monaca Capitolare dell'Abbazia di Fornovo
Arcivescovo di Siena
Prefetto dell'Inquisizione
Decano della Facoltà di Teologia dell'Università della Repubblica di Firenze

Visitate l'Abbazia Cistercense di Fornovo
avatar
Jalisse
Confessore dell'Abate
Confessore dell'Abate

Messaggi : 4998
Data d'iscrizione : 10.11.14
Località nei RR : Volterra

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Angelus (prima settimana del mese)

Messaggio  Pamelita il Mar Lug 04, 2017 10:04 am

Al suono della campana di mezzodì, Madre Pamela, lasciate le proprie occupazioni, raggiunse la cappella per recitare, insieme all'Abate e ai confratelli, l'Angelus

aprendo la preghiera comunitaria con l'introduzione:


"Angelus Domini hominem *protexit in Oanilonia.
Gli umani si erano abbandonati al peccato a tal punto * che Dio aveva deciso di punirli,
tuttavia, sette umani avevano capito * l’errore che avevano commesso.
Ma Dio vide che i sette puri avevano dimostrato che gli umani erano capaci di pentimento e umiltà.
*Li innalzò al sole ed essi furono benedetti da un’eternità di felicità in Paradiso.."



Innalzarono quindi l' Invocazione a San Gabriele, Arcangelo della Temperanza:
Gabriele, Arcangelo della Temperanza, *difendici da Leviatano, demone dell'Ira.


Lesse quindi la lettura propria del giorno:


Gabriele capì immediatamente che l’ora della caduta di Oanilonia era arrivata.
Decise di andare subito ad avvisare tutti coloro che aveva incontrato e l’aveva seguito sulla via della virtù per salvarli.
Cominciò dall’avvisare il suo amico Alcisde, l’armatore del “Que-Bec”, perché preparasse la barca ad imbarcare tutti quelli che Gabriele avrebbe portato, al fine di salvarli.
Percorse tutte le strade di Oanilonia, dicendo a tutti quelli che conosceva di andare al porto e di imbracarsi sul “Que-Bec”, raccomandandosi di non portare niente che potesse appesantire la braca. Quando tornò al porto accompagnato da quattro orfani, vide Leviatano che, con gli occhi folli di furia e collera, lanciava un’enorme trave sulla barca, che cadendo sulla sua vela lo rese prigioniero della città. Mentre una risata tonante da folle usciva dalla gola di Leviatano, Gabriele, ascoltando solo la sua fede, saltò sul ponte per aiutare a liberare il “Que-Bec”. La trave era molta alta e Gabriele, che era molto forte, propose di fare del suo corpo una scala. Prese un asse, che teneva tra le mani e disse ad uno dei marinai: “Sali sul mio corpo, mi puoi usare come una scala”. Questi riuscì così ad arrampicarsi sino alla trave e liberare la barca. Tutti allora gridarono: “Viva Gabriele che fece del suo corpo una scala, viva il “Que-Bec” libero!”.


Dopo di che recitarono insieme, a cori alterni, il salmo:

Questo giorno è un giorno totalmente nuovo,
*non è mai esistito e non esisterà mai più.
Prendete dunque questo giorno e fatene una scala.
**Per raggiungere le più alte vette.
Non permettete che la fine del giorno
*Vi trovi simili a come eravate all’alba
Perché domani potrebbe essere il giorno in cui sarete giudicati.



E a seguire la preghiera a San Gabriele Arcangelo:

San Gabriele Arcangelo,
angelo della Temperanza,
apri le nostre orecchie
ai dolci avvertimenti
e agli appelli pressanti dell’Altissimo.
Tieniti sempre davanti a noi,
ti scongiuriamo,
affinché comprendiamo bene
la parola di Dio,
affinché lo seguiamo,
affinché gli obbediamo
e adempiamo a ciò che vuole da noi.
Aiutaci a restare svegli,
affinché, quando arriverà,
il Signore non ci trovi addormentati.




Infine, terminarono la recita dell'Angelus con l' invocazione finale a San Gabriele Arcangelo:


Gabriele, Arcangelo della Temperanza,

*difendici da Leviatano, demone dell'Ira


Finita la recita comunitaria dell'Angelus, insieme all'Abate e ai confratelli, lasciò la cappella dirigendosi verso il refettorio per il pranzo.
avatar
Pamelita
Priore
Priore

Messaggi : 5760
Data d'iscrizione : 28.08.12
Località nei RR : Pavia ( ducato di Milano)-Vicario Generale dell'Arcidiocesi di Milano-Vescovo di Pavia.

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Angelus (prima settimana del mese)

Messaggio  Jalisse il Mer Lug 05, 2017 1:58 pm

Madre Jalisse si recò come sempre nella Chiesa San Benedetto per pregare perle preghiere del MERCOLEDI'

Si unì ai congratelli, e cominciò a recitare con loro:


Iniziò con l'Invocazione:

Michele, Arcangelo della Giustizia, *difendici da Satana, demone dell'Invidia.

Lettura
Quando i suoi amici furono al sicuro, egli restò solo e per sei giorni salvò coloro che potevano essere salvati.
Il settimo giorno c’erano ancora persone da salvare ma nessuna barca. Come per miracolo apparvero altre due imbarcazioni, egli invitò dunque coloro che avevano il cuore puro a salire su queste barche. Sembrava capace di leggere nel cuore della gente se la loro fede era reale e inviava sulla prima barca coloro che giudicava degni e sulla seconda coloro che fuggivano per paura o per salvare le proprie ricchezze. Vedendo le due imbarcazioni piene, si rifiutò di salire, dicendo che Dio aveva una missione per lui e che sentiva di dover restare per salvare altri amici. Arrivata all’uscita della città la prima barca prese senza intoppi il largo, mentre la seconda più pesante per l’oro portato fu bloccata dai fondali bassi.

Continuò poi con il Salmo:

Se il tuo occhio destro ti porta verso ciò che non ti è destinato
*strappalo e brucialo,
perché è meglio che una parte di te muoia
*piuttosto che attiri su di te la collera di Dio.
Sono venuto a portare le parole di speranza di Dio
*verso coloro che non si sono allontanati da lui
perché numerose sono le comunità di fedeli
*che percorrono il mondo in attesa dei profeti
che li riuniranno nell’amore
*e nell’amicizia.

Poi fu il momento della Preghiera:

Signore, imploriamo la tua misericordia,
una misericordia che illuminerà i nostri cuori,
ci farà comprendere i nostri errori,
ci guiderà verso la strada della giustizia
e ci allontanerà dal peccato.
Benedici la Chiesa e tutti i tuoi figli
e fai in modo che l'amicizia
sia la guida che ci conduce, la giustizia lo scopo che perseguiamo e la pace il bene che troviamo.
San Michele Arcangelo,
angelo della Giustizia,
quando siamo prigionieri dell’odio e dell’invidia,
della menzogna e dell’ingiustizia,
aiutaci a tornare sulla via della virtù.

Ed infine il momento dell'Invocazione Finale:

Michele, Arcangelo della Giustizia, *difendici da Satana, demone della Superbia.

Terminato di pregare, Madre Jalisse si recò insieme agli altri, al refettorio per il pranzo.

_________________


Monsignora Jalisse Borgia Hohenstaufen
Monaca Capitolare dell'Abbazia di Fornovo
Arcivescovo di Siena
Prefetto dell'Inquisizione
Decano della Facoltà di Teologia dell'Università della Repubblica di Firenze

Visitate l'Abbazia Cistercense di Fornovo
avatar
Jalisse
Confessore dell'Abate
Confessore dell'Abate

Messaggi : 4998
Data d'iscrizione : 10.11.14
Località nei RR : Volterra

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Angelus (prima settimana del mese)

Messaggio  Jalisse il Gio Lug 06, 2017 11:01 am

A mezzodi', i monaci cistercensi si recavano nella cappella San Benedetto, in quanto accessibile anche ai visitatori esterni e non solo a chi soggiornava in Abbazia, in questo modo chi avesse voluto avrebbe potuto pregare per loro...
con il nuovo messale il salmo e le preghiere erano specifiche a seconda della settimana, Madre Jalisse quindi aprì il messale posizionandosi sul salmo e sulle preghiere specifiche per la prima settimana di ogni mese e in modo particolare  per il giorno di GIOVEDI'.

Iniziò quindi con l'introduzione:

Uriele, Arcangelo della Generosità, *difendici da Belial, demone dell'Invidia.

Poi fu il momento della Lettura

La creatura senza nome andò poi a parlare all’orecchio di Uriele, ma questi, conoscendo le sue intenzioni, non lo volle ascoltare, perché più si fosse lasciato tentare, più sarebbe stato difficile resistere. Raccogliendosi in preghiera, si mise in ginocchio[...]. Questo giovane era benedetto da Dio, era certo, era stato scelto affinché donasse la sua vita per questo mondo. Davanti a tale forza e benedizione la Creatura senza nome non poteva più niente e, sebbene l’avesse tentato altre volte, non riuscì mai a convincere Uriele, neanche per un momento.

Al quale seguì il Salmo

Solo Dio è sovrano,
*solo Dio è il Signore.
Hai dato dei talenti, alle Tue creature.
*Ciascuna di esse ha il suo posto nella Tua creazione.
Il suo talento permette a ciascuna di esse di trovarlo.
*Siamo tutte egualmente amate da te
e dobbiamo tutti amarti in cambio.
*Poiché, senza Te, non esisteremmo.
Ci hai creati mentre nulla Ti costringeva
*e dobbiamo amarti per ringraziarti di questo.


Recitarono poi tutti insieme la Preghiera

“O Dio altissimo,
padre dell’umanità
e onnipotenza divina,
chiudi le mie orecchie
alle tentazioni
e apri i miei occhi
all’amore senza fine che tu mi dai,
che io possa donare a coloro che devono ricevere,
amare coloro che devono essere amati,
sapendo sempre
che se io non fossi là,
qualcun altro sarebbe là per farlo
perché sei Tu che parli attraverso la mia bocca
e che operi attraverso le mie mani.
Perdona mio fratello e tutti gli altri,
non sanno quello che fanno.”


Arrivando all'Invocazione finale

Uriele, Arcangelo della Generosità, *difendici da Belial, demone dell'Invidia.

_________________


Monsignora Jalisse Borgia Hohenstaufen
Monaca Capitolare dell'Abbazia di Fornovo
Arcivescovo di Siena
Prefetto dell'Inquisizione
Decano della Facoltà di Teologia dell'Università della Repubblica di Firenze

Visitate l'Abbazia Cistercense di Fornovo
avatar
Jalisse
Confessore dell'Abate
Confessore dell'Abate

Messaggi : 4998
Data d'iscrizione : 10.11.14
Località nei RR : Volterra

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Angelus (prima settimana del mese)

Messaggio  Jalisse il Ven Lug 07, 2017 11:03 am

Suonata la campana di mezzodì, Madre Jalisse lasciò i suoi le sue occupazioni  per recarsi in Cappella per la recita dell'Angelus del  VENERDI',
insieme ai suoi confratelli.

Aperto il Messale, iniziò con la lettura dell'Invocazione a San Silfaele, Arcangelo del Piacere:


Silfaele, Arcangelo del Piacere, *difendici da Lucifero, demone dell'accidia.

Quindi lesse ai confratelli la Lettura dell'Angelus del Sabato:

In quei tempi tumultuosi per la città viveva un giovane chiamato Silfaele di Hedon. Sapeva brillare in società, era dotato di talenti in tutte le arti, ma ciò che gli procurava l’ammirazione della sua cerchia era la sua straordinaria capacità di assaporare ogni istante della vita.
[...] Silfaele, re delle notti di Oanilonia, gustava tutti i vini, poi appena titubante cominciava a dare il suo concerto di lira in favore dell’associazione “saggezza riunita di Oane”. Si vedevano allora le torce dei suoi adulatori sconvolti, inviarlo dritto al firmamento.
Spesso l’indomani all’aurora e dopo che aveva trovato nuove fonti di piacere studiando con Colomba, non era raro vedere Silfaele preparare una tisana al capezzale di un Lucifero dai tratti rovinati, nauseati, livido.
“Tu confondi piacere e felicità, mio povero Luc!” lo ammoniva Silf mentre il suo amico si preparava ad una giornata di mortificazioni e autopunizioni di tutti i generi perché come una banderuola folle Lucifero il volubile non cessava di passare da una sete di piacere estremo ad un abbattimento colpevole e deprimente “e così affatichi il tuo corpo molto duramente con incessanti privazioni e eterni eccessi”.


Seguì la recita, a cori alterni, del Salmo:

Tu confondi piacere e felicità
*la virtù è il piacere stesso!
Dio ci ha dato i sensi per gustarlo
*e perché l’amore della vita restasse l’Amore
Chi entra in depressione spirituale,
*che resta passivo, che non ha più gusto per la vita,
e che ignora la sua soddisfazione
*non arriverà a raggiungere il sole.


e dopo il Salmo responsoriale la Preghiera:

San Silfaele,
angelo del Piacere
scaccia da me peccatore l’accidia,
la dimenticanza, l’ignoranza, la trascuratezza;
ed ogni pensiero malvagio,
e dalla presunzione,
e liberami da tutte le mie cattive azioni
di notte e di giorno.



Chiuse la recita dell'Angelus con l'Invocazione all'Arcangelo del Piacere:

Silfaele, Arcangelo del Piacere, *difendici da Lucifero, demone dell'accidia

Con piacere, terminata la preghiera comunitaria dell'Angelus, raggiunse insieme ai confratelli il refettorio per la consumazione del pranzo quotidiano.

_________________


Monsignora Jalisse Borgia Hohenstaufen
Monaca Capitolare dell'Abbazia di Fornovo
Arcivescovo di Siena
Prefetto dell'Inquisizione
Decano della Facoltà di Teologia dell'Università della Repubblica di Firenze

Visitate l'Abbazia Cistercense di Fornovo
avatar
Jalisse
Confessore dell'Abate
Confessore dell'Abate

Messaggi : 4998
Data d'iscrizione : 10.11.14
Località nei RR : Volterra

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Angelus (prima settimana del mese)

Messaggio  Pamelita il Ven Lug 07, 2017 11:04 am

Suonata la campana di mezzodì, Madre Pamela lasciò i suoi le sue occupazioni  per recarsi in Cappella per la recita dell'Angelus, insieme ai suoi confratelli.

Aperto il Messale, iniziò con la lettura dell'Invocazione a San Silfaele, Arcangelo del Piacere:


Silfaele, Arcangelo del Piacere, *difendici da Lucifero, demone dell'accidia.

Quindi lesse ai confratelli la Lettura dell'Angelus del Sabato:

In quei tempi tumultuosi per la città viveva un giovane chiamato Silfaele di Hedon. Sapeva brillare in società, era dotato di talenti in tutte le arti, ma ciò che gli procurava l’ammirazione della sua cerchia era la sua straordinaria capacità di assaporare ogni istante della vita.
[...] Silfaele, re delle notti di Oanilonia, gustava tutti i vini, poi appena titubante cominciava a dare il suo concerto di lira in favore dell’associazione “saggezza riunita di Oane”. Si vedevano allora le torce dei suoi adulatori sconvolti, inviarlo dritto al firmamento.
Spesso l’indomani all’aurora e dopo che aveva trovato nuove fonti di piacere studiando con Colomba, non era raro vedere Silfaele preparare una tisana al capezzale di un Lucifero dai tratti rovinati, nauseati, livido.
“Tu confondi piacere e felicità, mio povero Luc!” lo ammoniva Silf mentre il suo amico si preparava ad una giornata di mortificazioni e autopunizioni di tutti i generi perché come una banderuola folle Lucifero il volubile non cessava di passare da una sete di piacere estremo ad un abbattimento colpevole e deprimente “e così affatichi il tuo corpo molto duramente con incessanti privazioni e eterni eccessi”.


Seguì la recita, a cori alterni, del Salmo:

Tu confondi piacere e felicità
*la virtù è il piacere stesso!
Dio ci ha dato i sensi per gustarlo
*e perché l’amore della vita restasse l’Amore
Chi entra in depressione spirituale,
*che resta passivo, che non ha più gusto per la vita,
e che ignora la sua soddisfazione
*non arriverà a raggiungere il sole.


e dopo il Salmo responsoriale la Preghiera:

San Silfaele,
angelo del Piacere
scaccia da me peccatore l’accidia,
la dimenticanza, l’ignoranza, la trascuratezza;
ed ogni pensiero malvagio,
e dalla presunzione,
e liberami da tutte le mie cattive azioni
di notte e di giorno.



Chiuse la recita dell'Angelus con l'Invocazione all'Arcangelo del Piacere:

Silfaele, Arcangelo del Piacere, *difendici da Lucifero, demone dell'accidia

Con piacere, terminata la preghiera comunitaria dell'Angelus, raggiunse insieme ai confratelli il refettorio per la consumazione del pranzo quotidiano.
avatar
Pamelita
Priore
Priore

Messaggi : 5760
Data d'iscrizione : 28.08.12
Località nei RR : Pavia ( ducato di Milano)-Vicario Generale dell'Arcidiocesi di Milano-Vescovo di Pavia.

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Angelus (prima settimana del mese)

Messaggio  m.azzurra il Ven Lug 07, 2017 4:09 pm

Pamelita ha scritto:Suonata la campana di mezzodì, Madre Pamela lasciò i suoi le sue occupazioni per recarsi in Cappella per la recita dell'Angelus, insieme ai suoi confratelli.

Aperto il Messale, iniziò con la lettura dell'Invocazione a San Silfaele, Arcangelo del Piacere:


Silfaele, Arcangelo del Piacere, *difendici da Lucifero, demone dell'accidia.

Quindi lesse ai confratelli la Lettura dell'Angelus del Sabato:

In quei tempi tumultuosi per la città viveva un giovane chiamato Silfaele di Hedon. Sapeva brillare in società, era dotato di talenti in tutte le arti, ma ciò che gli procurava l’ammirazione della sua cerchia era la sua straordinaria capacità di assaporare ogni istante della vita.
[...] Silfaele, re delle notti di Oanilonia, gustava tutti i vini, poi appena titubante cominciava a dare il suo concerto di lira in favore dell’associazione “saggezza riunita di Oane”. Si vedevano allora le torce dei suoi adulatori sconvolti, inviarlo dritto al firmamento.
Spesso l’indomani all’aurora e dopo che aveva trovato nuove fonti di piacere studiando con Colomba, non era raro vedere Silfaele preparare una tisana al capezzale di un Lucifero dai tratti rovinati, nauseati, livido.
“Tu confondi piacere e felicità, mio povero Luc!” lo ammoniva Silf mentre il suo amico si preparava ad una giornata di mortificazioni e autopunizioni di tutti i generi perché come una banderuola folle Lucifero il volubile non cessava di passare da una sete di piacere estremo ad un abbattimento colpevole e deprimente “e così affatichi il tuo corpo molto duramente con incessanti privazioni e eterni eccessi”.


Seguì la recita, a cori alterni, del Salmo:

Tu confondi piacere e felicità
*la virtù è il piacere stesso!
Dio ci ha dato i sensi per gustarlo
*e perché l’amore della vita restasse l’Amore
Chi entra in depressione spirituale,
*che resta passivo, che non ha più gusto per la vita,
e che ignora la sua soddisfazione
*non arriverà a raggiungere il sole.


e dopo il Salmo responsoriale la Preghiera:

San Silfaele,
angelo del Piacere
scaccia da me peccatore l’accidia,
la dimenticanza, l’ignoranza, la trascuratezza;
ed ogni pensiero malvagio,
e dalla presunzione,
e liberami da tutte le mie cattive azioni
di notte e di giorno.



Chiuse la recita dell'Angelus con l'Invocazione all'Arcangelo del Piacere:

Silfaele, Arcangelo del Piacere, *difendici da Lucifero, demone dell'accidia

Con piacere, terminata la preghiera comunitaria dell'Angelus, raggiunse insieme ai confratelli il refettorio per la consumazione del pranzo quotidiano.

_________________

Vicario Generale Aggiunto - Vescovo di Mantua
avatar
m.azzurra
Monaca Capitolare
Monaca Capitolare

Messaggi : 2181
Data d'iscrizione : 10.02.11
Località nei RR : Aquileia

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Angelus (prima settimana del mese)

Messaggio  Jalisse il Sab Lug 08, 2017 10:32 am

A mezzodì del SABATO Madre Jalisse si recò con i confratelli per la preghiera dell'Angelus

Iniziò quindi con l'Invocazione

Silfaele, Arcangelo del Piacere, *difendici da Lucifero, demone dell'accidia.

Proseguì con la Lettura
In quei tempi tumultuosi per la città viveva un giovane chiamato Silfaele di Hedon. Sapeva brillare in società, era dotato di talenti in tutte le arti, ma ciò che gli procurava l’ammirazione della sua cerchia era la sua straordinaria capacità di assaporare ogni istante della vita.
[...] Silfaele, re delle notti di Oanilonia, gustava tutti i vini, poi appena titubante cominciava a dare il suo concerto di lira in favore dell’associazione “saggezza riunita di Oane”. Si vedevano allora le torce dei suoi adulatori sconvolti, inviarlo dritto al firmamento.
Spesso l’indomani all’aurora e dopo che aveva trovato nuove fonti di piacere studiando con Colomba, non era raro vedere Silfaele preparare una tisana al capezzale di un Lucifero dai tratti rovinati, nauseati, livido.
“Tu confondi piacere e felicità, mio povero Luc!” lo ammoniva Silf mentre il suo amico si preparava ad una giornata di mortificazioni e autopunizioni di tutti i generi perché come una banderuola folle Lucifero il volubile non cessava di passare da una sete di piacere estremo ad un abbattimento colpevole e deprimente “e così affatichi il tuo corpo molto duramente con incessanti privazioni e eterni eccessi”.

Recitò il Salmo

Tu confondi piacere e felicità
*la virtù è il piacere stesso!
Dio ci ha dato i sensi per gustarlo
*e perché l’amore della vita restasse l’Amore
Chi entra in depressione spirituale,
*che resta passivo, che non ha più gusto per la vita,
e che ignora la sua soddisfazione
*non arriverà a raggiungere il sole.


e dopo il Salmo la Preghiera

San Silfaele,
angelo del Piacere
scaccia da me peccatore l’accidia,
la dimenticanza, l’ignoranza, la trascuratezza;
ed ogni pensiero malvagio,
e dalla presunzione,
e liberami da tutte le mie cattive azioni
di notte e di giorno.



ed infine all'Invocazione:
Silfaele, Arcangelo del Piacere, *difendici da Lucifero, demone dell'accidia
Finito di pregare tutti insieme si recarono in refettorio.

_________________


Monsignora Jalisse Borgia Hohenstaufen
Monaca Capitolare dell'Abbazia di Fornovo
Arcivescovo di Siena
Prefetto dell'Inquisizione
Decano della Facoltà di Teologia dell'Università della Repubblica di Firenze

Visitate l'Abbazia Cistercense di Fornovo
avatar
Jalisse
Confessore dell'Abate
Confessore dell'Abate

Messaggi : 4998
Data d'iscrizione : 10.11.14
Località nei RR : Volterra

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Angelus (prima settimana del mese)

Messaggio  Pamelita il Sab Lug 08, 2017 10:47 am

Suonato il mezzogiorno, Madre Pamela si recò in Cappella per la recita dell'Angelus, insieme ai suoi confratelli.

Si iniziò con la lettura dell'Invocazione a San Silfaele, Arcangelo del Piacere:


Silfaele, Arcangelo del Piacere, *difendici da Lucifero, demone dell'accidia.

Quindi lesse ai confratelli la Lettura dell'Angelus del Sabato:

In quei tempi tumultuosi per la città viveva un giovane chiamato Silfaele di Hedon. Sapeva brillare in società, era dotato di talenti in tutte le arti, ma ciò che gli procurava l’ammirazione della sua cerchia era la sua straordinaria capacità di assaporare ogni istante della vita.
[...] Silfaele, re delle notti di Oanilonia, gustava tutti i vini, poi appena titubante cominciava a dare il suo concerto di lira in favore dell’associazione “saggezza riunita di Oane”. Si vedevano allora le torce dei suoi adulatori sconvolti, inviarlo dritto al firmamento.
Spesso l’indomani all’aurora e dopo che aveva trovato nuove fonti di piacere studiando con Colomba, non era raro vedere Silfaele preparare una tisana al capezzale di un Lucifero dai tratti rovinati, nauseati, livido.
“Tu confondi piacere e felicità, mio povero Luc!” lo ammoniva Silf mentre il suo amico si preparava ad una giornata di mortificazioni e autopunizioni di tutti i generi perché come una banderuola folle Lucifero il volubile non cessava di passare da una sete di piacere estremo ad un abbattimento colpevole e deprimente “e così affatichi il tuo corpo molto duramente con incessanti privazioni e eterni eccessi”.


Seguì la recita, a cori alterni, del Salmo:

Tu confondi piacere e felicità
*la virtù è il piacere stesso!
Dio ci ha dato i sensi per gustarlo
*e perché l’amore della vita restasse l’Amore
Chi entra in depressione spirituale,
*che resta passivo, che non ha più gusto per la vita,
e che ignora la sua soddisfazione
*non arriverà a raggiungere il sole.


e dopo il Salmo responsoriale la Preghiera:

San Silfaele,
angelo del Piacere
scaccia da me peccatore l’accidia,
la dimenticanza, l’ignoranza, la trascuratezza;
ed ogni pensiero malvagio,
e dalla presunzione,
e liberami da tutte le mie cattive azioni
di notte e di giorno.



Chiuse la recita dell'Angelus con l'Invocazione all'Arcangelo del Piacere:

Silfaele, Arcangelo del Piacere, *difendici da Lucifero, demone dell'accidia

Con piacere, terminata la preghiera comunitaria dell'Angelus, raggiunse insieme ai confratelli il refettorio per consumare il  pranzo quotidiano.
avatar
Pamelita
Priore
Priore

Messaggi : 5760
Data d'iscrizione : 28.08.12
Località nei RR : Pavia ( ducato di Milano)-Vicario Generale dell'Arcidiocesi di Milano-Vescovo di Pavia.

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Angelus (prima settimana del mese)

Messaggio  Jalisse il Dom Lug 09, 2017 9:14 am

Suonato il mezzogiorno insieme ai suoi confratelli per la recita dell'Angelus della DOMENICA

Si iniziò con la lettura dell'Invocazione a San Silfaele, Arcangelo del Piacere:


Silfaele, Arcangelo del Piacere, *difendici da Lucifero, demone dell'accidia.

Quindi lesse ai confratelli la Lettura dell'Angelus del Sabato:

In quei tempi tumultuosi per la città viveva un giovane chiamato Silfaele di Hedon. Sapeva brillare in società, era dotato di talenti in tutte le arti, ma ciò che gli procurava l’ammirazione della sua cerchia era la sua straordinaria capacità di assaporare ogni istante della vita.
[...] Silfaele, re delle notti di Oanilonia, gustava tutti i vini, poi appena titubante cominciava a dare il suo concerto di lira in favore dell’associazione “saggezza riunita di Oane”. Si vedevano allora le torce dei suoi adulatori sconvolti, inviarlo dritto al firmamento.
Spesso l’indomani all’aurora e dopo che aveva trovato nuove fonti di piacere studiando con Colomba, non era raro vedere Silfaele preparare una tisana al capezzale di un Lucifero dai tratti rovinati, nauseati, livido.
“Tu confondi piacere e felicità, mio povero Luc!” lo ammoniva Silf mentre il suo amico si preparava ad una giornata di mortificazioni e autopunizioni di tutti i generi perché come una banderuola folle Lucifero il volubile non cessava di passare da una sete di piacere estremo ad un abbattimento colpevole e deprimente “e così affatichi il tuo corpo molto duramente con incessanti privazioni e eterni eccessi”.


Seguì la recita, a cori alterni, del Salmo:

Tu confondi piacere e felicità
*la virtù è il piacere stesso!
Dio ci ha dato i sensi per gustarlo
*e perché l’amore della vita restasse l’Amore
Chi entra in depressione spirituale,
*che resta passivo, che non ha più gusto per la vita,
e che ignora la sua soddisfazione
*non arriverà a raggiungere il sole.


e dopo il Salmo responsoriale la Preghiera:

San Silfaele,
angelo del Piacere
scaccia da me peccatore l’accidia,
la dimenticanza, l’ignoranza, la trascuratezza;
ed ogni pensiero malvagio,
e dalla presunzione,
e liberami da tutte le mie cattive azioni
di notte e di giorno.



Chiuse la recita dell'Angelus con l'Invocazione all'Arcangelo del Piacere:

Silfaele, Arcangelo del Piacere, *difendici da Lucifero, demone dell'accidia

Con piacere, terminata la preghiera comunitaria dell'Angelus, raggiunse insieme ai confratelli il refettorio per consumare il  pranzo quotidiano.

_________________


Monsignora Jalisse Borgia Hohenstaufen
Monaca Capitolare dell'Abbazia di Fornovo
Arcivescovo di Siena
Prefetto dell'Inquisizione
Decano della Facoltà di Teologia dell'Università della Repubblica di Firenze

Visitate l'Abbazia Cistercense di Fornovo
avatar
Jalisse
Confessore dell'Abate
Confessore dell'Abate

Messaggi : 4998
Data d'iscrizione : 10.11.14
Località nei RR : Volterra

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Angelus (prima settimana del mese)

Messaggio  m.azzurra il Dom Lug 09, 2017 9:33 am

Jalisse ha scritto:
Suonato il mezzogiorno insieme ai suoi confratelli per la recita dell'Angelus della DOMENICA

Si iniziò con la lettura dell'Invocazione a San Silfaele, Arcangelo del Piacere:


Silfaele, Arcangelo del Piacere, *difendici da Lucifero, demone dell'accidia.

Quindi lesse ai confratelli la Lettura dell'Angelus del Sabato:

In quei tempi tumultuosi per la città viveva un giovane chiamato Silfaele di Hedon. Sapeva brillare in società, era dotato di talenti in tutte le arti, ma ciò che gli procurava l’ammirazione della sua cerchia era la sua straordinaria capacità di assaporare ogni istante della vita.
[...] Silfaele, re delle notti di Oanilonia, gustava tutti i vini, poi appena titubante cominciava a dare il suo concerto di lira in favore dell’associazione “saggezza riunita di Oane”. Si vedevano allora le torce dei suoi adulatori sconvolti, inviarlo dritto al firmamento.
Spesso l’indomani all’aurora e dopo che aveva trovato nuove fonti di piacere studiando con Colomba, non era raro vedere Silfaele preparare una tisana al capezzale di un Lucifero dai tratti rovinati, nauseati, livido.
“Tu confondi piacere e felicità, mio povero Luc!” lo ammoniva Silf mentre il suo amico si preparava ad una giornata di mortificazioni e autopunizioni di tutti i generi perché come una banderuola folle Lucifero il volubile non cessava di passare da una sete di piacere estremo ad un abbattimento colpevole e deprimente “e così affatichi il tuo corpo molto duramente con incessanti privazioni e eterni eccessi”.


Seguì la recita, a cori alterni, del Salmo:

Tu confondi piacere e felicità
*la virtù è il piacere stesso!
Dio ci ha dato i sensi per gustarlo
*e perché l’amore della vita restasse l’Amore
Chi entra in depressione spirituale,
*che resta passivo, che non ha più gusto per la vita,
e che ignora la sua soddisfazione
*non arriverà a raggiungere il sole.


e dopo il Salmo responsoriale la Preghiera:

San Silfaele,
angelo del Piacere
scaccia da me peccatore l’accidia,
la dimenticanza, l’ignoranza, la trascuratezza;
ed ogni pensiero malvagio,
e dalla presunzione,
e liberami da tutte le mie cattive azioni
di notte e di giorno.



Chiuse la recita dell'Angelus con l'Invocazione all'Arcangelo del Piacere:

Silfaele, Arcangelo del Piacere, *difendici da Lucifero, demone dell'accidia

Con piacere, terminata la preghiera comunitaria dell'Angelus, raggiunse insieme ai confratelli il refettorio per consumare il pranzo quotidiano.

_________________

Vicario Generale Aggiunto - Vescovo di Mantua
avatar
m.azzurra
Monaca Capitolare
Monaca Capitolare

Messaggi : 2181
Data d'iscrizione : 10.02.11
Località nei RR : Aquileia

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Angelus (prima settimana del mese)

Messaggio  Pamelita il Dom Lug 09, 2017 2:06 pm

Suonato il mezzogiorno, Madre Pamela si recò in Cappella per la recita dell'Angelus, insieme ai suoi confratelli.

Si iniziò con la lettura dell'Invocazione a San Silfaele, Arcangelo del Piacere:


Silfaele, Arcangelo del Piacere, *difendici da Lucifero, demone dell'accidia.

Quindi lesse ai confratelli la Lettura dell'Angelus del Sabato:

In quei tempi tumultuosi per la città viveva un giovane chiamato Silfaele di Hedon. Sapeva brillare in società, era dotato di talenti in tutte le arti, ma ciò che gli procurava l’ammirazione della sua cerchia era la sua straordinaria capacità di assaporare ogni istante della vita.
[...] Silfaele, re delle notti di Oanilonia, gustava tutti i vini, poi appena titubante cominciava a dare il suo concerto di lira in favore dell’associazione “saggezza riunita di Oane”. Si vedevano allora le torce dei suoi adulatori sconvolti, inviarlo dritto al firmamento.
Spesso l’indomani all’aurora e dopo che aveva trovato nuove fonti di piacere studiando con Colomba, non era raro vedere Silfaele preparare una tisana al capezzale di un Lucifero dai tratti rovinati, nauseati, livido.
“Tu confondi piacere e felicità, mio povero Luc!” lo ammoniva Silf mentre il suo amico si preparava ad una giornata di mortificazioni e autopunizioni di tutti i generi perché come una banderuola folle Lucifero il volubile non cessava di passare da una sete di piacere estremo ad un abbattimento colpevole e deprimente “e così affatichi il tuo corpo molto duramente con incessanti privazioni e eterni eccessi”.


Seguì la recita, a cori alterni, del Salmo:

Tu confondi piacere e felicità
*la virtù è il piacere stesso!
Dio ci ha dato i sensi per gustarlo
*e perché l’amore della vita restasse l’Amore
Chi entra in depressione spirituale,
*che resta passivo, che non ha più gusto per la vita,
e che ignora la sua soddisfazione
*non arriverà a raggiungere il sole.


e dopo il Salmo responsoriale la Preghiera:

San Silfaele,
angelo del Piacere
scaccia da me peccatore l’accidia,
la dimenticanza, l’ignoranza, la trascuratezza;
ed ogni pensiero malvagio,
e dalla presunzione,
e liberami da tutte le mie cattive azioni
di notte e di giorno.



Chiuse la recita dell'Angelus con l'Invocazione all'Arcangelo del Piacere:

Silfaele, Arcangelo del Piacere, *difendici da Lucifero, demone dell'accidia

Con piacere, terminata la preghiera comunitaria dell'Angelus, raggiunse insieme ai confratelli il refettorio per consumare il  pranzo quotidiano.
avatar
Pamelita
Priore
Priore

Messaggi : 5760
Data d'iscrizione : 28.08.12
Località nei RR : Pavia ( ducato di Milano)-Vicario Generale dell'Arcidiocesi di Milano-Vescovo di Pavia.

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Angelus (prima settimana del mese)

Messaggio  Jalisse il Lun Ago 07, 2017 9:12 am

Al suono della campana di mezzodì, Madre Jalisse, lasciate le proprie occupazioni, raggiunse la cappella per recitare, insieme all'Abate e ai confratelli, l'Angelus del LUNEDI'

aprendo la preghiera comunitaria con l'introduzione:


"Angelus Domini hominem *protexit in Oanilonia.
Gli umani si erano abbandonati al peccato a tal punto * che Dio aveva deciso di punirli,
tuttavia, sette umani avevano capito * l’errore che avevano commesso.
Ma Dio vide che i sette puri avevano dimostrato che gli umani erano capaci di pentimento e umiltà.
*Li innalzò al sole ed essi furono benedetti da un’eternità di felicità in Paradiso.."



Innalzarono quindi l' Invocazione a San Gabriele, Arcangelo della Temperanza:
Gabriele, Arcangelo della Temperanza, *difendici da Leviatano, demone dell'Ira.


Lesse quindi la lettura propria del giorno:


Gabriele capì immediatamente che l’ora della caduta di Oanilonia era arrivata.
Decise di andare subito ad avvisare tutti coloro che aveva incontrato e l’aveva seguito sulla via della virtù per salvarli.
Cominciò dall’avvisare il suo amico Alcisde, l’armatore del “Que-Bec”, perché preparasse la barca ad imbarcare tutti quelli che Gabriele avrebbe portato, al fine di salvarli.
Percorse tutte le strade di Oanilonia, dicendo a tutti quelli che conosceva di andare al porto e di imbracarsi sul “Que-Bec”, raccomandandosi di non portare niente che potesse appesantire la braca. Quando tornò al porto accompagnato da quattro orfani, vide Leviatano che, con gli occhi folli di furia e collera, lanciava un’enorme trave sulla barca, che cadendo sulla sua vela lo rese prigioniero della città. Mentre una risata tonante da folle usciva dalla gola di Leviatano, Gabriele, ascoltando solo la sua fede, saltò sul ponte per aiutare a liberare il “Que-Bec”. La trave era molta alta e Gabriele, che era molto forte, propose di fare del suo corpo una scala. Prese un asse, che teneva tra le mani e disse ad uno dei marinai: “Sali sul mio corpo, mi puoi usare come una scala”. Questi riuscì così ad arrampicarsi sino alla trave e liberare la barca. Tutti allora gridarono: “Viva Gabriele che fece del suo corpo una scala, viva il “Que-Bec” libero!”.


Dopo di che recitarono insieme, a cori alterni, il salmo:

Questo giorno è un giorno totalmente nuovo,
*non è mai esistito e non esisterà mai più.
Prendete dunque questo giorno e fatene una scala.
**Per raggiungere le più alte vette.
Non permettete che la fine del giorno
*Vi trovi simili a come eravate all’alba
Perché domani potrebbe essere il giorno in cui sarete giudicati.



E a seguire la preghiera a San Gabriele Arcangelo:

San Gabriele Arcangelo,
angelo della Temperanza,
apri le nostre orecchie
ai dolci avvertimenti
e agli appelli pressanti dell’Altissimo.
Tieniti sempre davanti a noi,
ti scongiuriamo,
affinché comprendiamo bene
la parola di Dio,
affinché lo seguiamo,
affinché gli obbediamo
e adempiamo a ciò che vuole da noi.
Aiutaci a restare svegli,
affinché, quando arriverà,
il Signore non ci trovi addormentati.




Infine, terminarono la recita dell'Angelus con l' invocazione finale a San Gabriele Arcangelo:


Gabriele, Arcangelo della Temperanza,

*difendici da Leviatano, demone dell'Ira


Finita la recita comunitaria dell'Angelus, insieme all'Abate e ai confratelli, lasciò la cappella dirigendosi verso il refettorio per il pranzo.

_________________


Monsignora Jalisse Borgia Hohenstaufen
Monaca Capitolare dell'Abbazia di Fornovo
Arcivescovo di Siena
Prefetto dell'Inquisizione
Decano della Facoltà di Teologia dell'Università della Repubblica di Firenze

Visitate l'Abbazia Cistercense di Fornovo
avatar
Jalisse
Confessore dell'Abate
Confessore dell'Abate

Messaggi : 4998
Data d'iscrizione : 10.11.14
Località nei RR : Volterra

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Angelus (prima settimana del mese)

Messaggio  Pamelita il Lun Ago 07, 2017 1:44 pm

Al suono della campana di mezzodì, Madre Pamela, lasciate le proprie occupazioni, raggiunse la cappella per recitare, insieme all'Abate e ai confratelli, l'Angelus

aprendo la preghiera comunitaria con l'introduzione:


"Angelus Domini hominem *protexit in Oanilonia.
Gli umani si erano abbandonati al peccato a tal punto * che Dio aveva deciso di punirli,
tuttavia, sette umani avevano capito * l’errore che avevano commesso.
Ma Dio vide che i sette puri avevano dimostrato che gli umani erano capaci di pentimento e umiltà.
*Li innalzò al sole ed essi furono benedetti da un’eternità di felicità in Paradiso.."



Innalzarono quindi l' Invocazione a San Gabriele, Arcangelo della Temperanza:
Gabriele, Arcangelo della Temperanza, *difendici da Leviatano, demone dell'Ira.


Lesse quindi la lettura propria del giorno:


Gabriele capì immediatamente che l’ora della caduta di Oanilonia era arrivata.
Decise di andare subito ad avvisare tutti coloro che aveva incontrato e l’aveva seguito sulla via della virtù per salvarli.
Cominciò dall’avvisare il suo amico Alcisde, l’armatore del “Que-Bec”, perché preparasse la barca ad imbarcare tutti quelli che Gabriele avrebbe portato, al fine di salvarli.
Percorse tutte le strade di Oanilonia, dicendo a tutti quelli che conosceva di andare al porto e di imbracarsi sul “Que-Bec”, raccomandandosi di non portare niente che potesse appesantire la braca. Quando tornò al porto accompagnato da quattro orfani, vide Leviatano che, con gli occhi folli di furia e collera, lanciava un’enorme trave sulla barca, che cadendo sulla sua vela lo rese prigioniero della città. Mentre una risata tonante da folle usciva dalla gola di Leviatano, Gabriele, ascoltando solo la sua fede, saltò sul ponte per aiutare a liberare il “Que-Bec”. La trave era molta alta e Gabriele, che era molto forte, propose di fare del suo corpo una scala. Prese un asse, che teneva tra le mani e disse ad uno dei marinai: “Sali sul mio corpo, mi puoi usare come una scala”. Questi riuscì così ad arrampicarsi sino alla trave e liberare la barca. Tutti allora gridarono: “Viva Gabriele che fece del suo corpo una scala, viva il “Que-Bec” libero!”.


Dopo di che recitarono insieme, a cori alterni, il salmo:

Questo giorno è un giorno totalmente nuovo,
*non è mai esistito e non esisterà mai più.
Prendete dunque questo giorno e fatene una scala.
**Per raggiungere le più alte vette.
Non permettete che la fine del giorno
*Vi trovi simili a come eravate all’alba
Perché domani potrebbe essere il giorno in cui sarete giudicati.



E a seguire la preghiera a San Gabriele Arcangelo:

San Gabriele Arcangelo,
angelo della Temperanza,
apri le nostre orecchie
ai dolci avvertimenti
e agli appelli pressanti dell’Altissimo.
Tieniti sempre davanti a noi,
ti scongiuriamo,
affinché comprendiamo bene
la parola di Dio,
affinché lo seguiamo,
affinché gli obbediamo
e adempiamo a ciò che vuole da noi.
Aiutaci a restare svegli,
affinché, quando arriverà,
il Signore non ci trovi addormentati.




Infine, terminarono la recita dell'Angelus con l' invocazione finale a San Gabriele Arcangelo:


Gabriele, Arcangelo della Temperanza,

*difendici da Leviatano, demone dell'Ira


Finita la recita comunitaria dell'Angelus, insieme all'Abate e ai confratelli, lasciò la cappella dirigendosi verso il refettorio per il pranzo.
avatar
Pamelita
Priore
Priore

Messaggi : 5760
Data d'iscrizione : 28.08.12
Località nei RR : Pavia ( ducato di Milano)-Vicario Generale dell'Arcidiocesi di Milano-Vescovo di Pavia.

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Angelus (prima settimana del mese)

Messaggio  m.azzurra il Lun Ago 07, 2017 6:43 pm

Al suono della campana di mezzodì, Madre azzurra, lasciate le proprie occupazioni, raggiunse la cappella per recitare, insieme all'Abate e ai confratelli, l'Angelus

aprendo la preghiera comunitaria con l'introduzione:


"Angelus Domini hominem *protexit in Oanilonia.
Gli umani si erano abbandonati al peccato a tal punto * che Dio aveva deciso di punirli,
tuttavia, sette umani avevano capito * l’errore che avevano commesso.
Ma Dio vide che i sette puri avevano dimostrato che gli umani erano capaci di pentimento e umiltà.
*Li innalzò al sole ed essi furono benedetti da un’eternità di felicità in Paradiso.."



Innalzarono quindi l' Invocazione a San Gabriele, Arcangelo della Temperanza:
Gabriele, Arcangelo della Temperanza, *difendici da Leviatano, demone dell'Ira.


Lesse quindi la lettura propria del giorno:


Gabriele capì immediatamente che l’ora della caduta di Oanilonia era arrivata.
Decise di andare subito ad avvisare tutti coloro che aveva incontrato e l’aveva seguito sulla via della virtù per salvarli.
Cominciò dall’avvisare il suo amico Alcisde, l’armatore del “Que-Bec”, perché preparasse la barca ad imbarcare tutti quelli che Gabriele avrebbe portato, al fine di salvarli.
Percorse tutte le strade di Oanilonia, dicendo a tutti quelli che conosceva di andare al porto e di imbracarsi sul “Que-Bec”, raccomandandosi di non portare niente che potesse appesantire la braca. Quando tornò al porto accompagnato da quattro orfani, vide Leviatano che, con gli occhi folli di furia e collera, lanciava un’enorme trave sulla barca, che cadendo sulla sua vela lo rese prigioniero della città. Mentre una risata tonante da folle usciva dalla gola di Leviatano, Gabriele, ascoltando solo la sua fede, saltò sul ponte per aiutare a liberare il “Que-Bec”. La trave era molta alta e Gabriele, che era molto forte, propose di fare del suo corpo una scala. Prese un asse, che teneva tra le mani e disse ad uno dei marinai: “Sali sul mio corpo, mi puoi usare come una scala”. Questi riuscì così ad arrampicarsi sino alla trave e liberare la barca. Tutti allora gridarono: “Viva Gabriele che fece del suo corpo una scala, viva il “Que-Bec” libero!”.


Dopo di che recitarono insieme, a cori alterni, il salmo:

Questo giorno è un giorno totalmente nuovo,
*non è mai esistito e non esisterà mai più.
Prendete dunque questo giorno e fatene una scala.
**Per raggiungere le più alte vette.
Non permettete che la fine del giorno
*Vi trovi simili a come eravate all’alba
Perché domani potrebbe essere il giorno in cui sarete giudicati.



E a seguire la preghiera a San Gabriele Arcangelo:

San Gabriele Arcangelo,
angelo della Temperanza,
apri le nostre orecchie
ai dolci avvertimenti
e agli appelli pressanti dell’Altissimo.
Tieniti sempre davanti a noi,
ti scongiuriamo,
affinché comprendiamo bene
la parola di Dio,
affinché lo seguiamo,
affinché gli obbediamo
e adempiamo a ciò che vuole da noi.
Aiutaci a restare svegli,
affinché, quando arriverà,
il Signore non ci trovi addormentati.




Infine, terminarono la recita dell'Angelus con l' invocazione finale a San Gabriele Arcangelo:


Gabriele, Arcangelo della Temperanza,

*difendici da Leviatano, demone dell'Ira


Finita la recita comunitaria dell'Angelus, insieme all'Abate e ai confratelli, lasciò la cappella dirigendosi verso il refettorio per il pranzo.

_________________

Vicario Generale Aggiunto - Vescovo di Mantua
avatar
m.azzurra
Monaca Capitolare
Monaca Capitolare

Messaggi : 2181
Data d'iscrizione : 10.02.11
Località nei RR : Aquileia

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Angelus (prima settimana del mese)

Messaggio  Jalisse il Mar Ago 08, 2017 10:01 am

Al suono della campana di mezzodì, Madre Jalisse, lasciate le proprie occupazioni, raggiunse la cappella per recitare, insieme all'Abate e ai confratelli, l'Angelus del LUNEDI'

aprendo la preghiera comunitaria con l'introduzione:


"Angelus Domini hominem *protexit in Oanilonia.
Gli umani si erano abbandonati al peccato a tal punto * che Dio aveva deciso di punirli,
tuttavia, sette umani avevano capito * l’errore che avevano commesso.
Ma Dio vide che i sette puri avevano dimostrato che gli umani erano capaci di pentimento e umiltà.
*Li innalzò al sole ed essi furono benedetti da un’eternità di felicità in Paradiso.."



Innalzarono quindi l' Invocazione a San Gabriele, Arcangelo della Temperanza:
Gabriele, Arcangelo della Temperanza, *difendici da Leviatano, demone dell'Ira.


Lesse quindi la lettura propria del giorno:


Gabriele capì immediatamente che l’ora della caduta di Oanilonia era arrivata.
Decise di andare subito ad avvisare tutti coloro che aveva incontrato e l’aveva seguito sulla via della virtù per salvarli.
Cominciò dall’avvisare il suo amico Alcisde, l’armatore del “Que-Bec”, perché preparasse la barca ad imbarcare tutti quelli che Gabriele avrebbe portato, al fine di salvarli.
Percorse tutte le strade di Oanilonia, dicendo a tutti quelli che conosceva di andare al porto e di imbracarsi sul “Que-Bec”, raccomandandosi di non portare niente che potesse appesantire la braca. Quando tornò al porto accompagnato da quattro orfani, vide Leviatano che, con gli occhi folli di furia e collera, lanciava un’enorme trave sulla barca, che cadendo sulla sua vela lo rese prigioniero della città. Mentre una risata tonante da folle usciva dalla gola di Leviatano, Gabriele, ascoltando solo la sua fede, saltò sul ponte per aiutare a liberare il “Que-Bec”. La trave era molta alta e Gabriele, che era molto forte, propose di fare del suo corpo una scala. Prese un asse, che teneva tra le mani e disse ad uno dei marinai: “Sali sul mio corpo, mi puoi usare come una scala”. Questi riuscì così ad arrampicarsi sino alla trave e liberare la barca. Tutti allora gridarono: “Viva Gabriele che fece del suo corpo una scala, viva il “Que-Bec” libero!”.


Dopo di che recitarono insieme, a cori alterni, il salmo:

Questo giorno è un giorno totalmente nuovo,
*non è mai esistito e non esisterà mai più.
Prendete dunque questo giorno e fatene una scala.
**Per raggiungere le più alte vette.
Non permettete che la fine del giorno
*Vi trovi simili a come eravate all’alba
Perché domani potrebbe essere il giorno in cui sarete giudicati.



E a seguire la preghiera a San Gabriele Arcangelo:

San Gabriele Arcangelo,
angelo della Temperanza,
apri le nostre orecchie
ai dolci avvertimenti
e agli appelli pressanti dell’Altissimo.
Tieniti sempre davanti a noi,
ti scongiuriamo,
affinché comprendiamo bene
la parola di Dio,
affinché lo seguiamo,
affinché gli obbediamo
e adempiamo a ciò che vuole da noi.
Aiutaci a restare svegli,
affinché, quando arriverà,
il Signore non ci trovi addormentati.




Infine, terminarono la recita dell'Angelus con l' invocazione finale a San Gabriele Arcangelo:


Gabriele, Arcangelo della Temperanza,

*difendici da Leviatano, demone dell'Ira


Finita la recita comunitaria dell'Angelus, insieme all'Abate e ai confratelli, lasciò la cappella dirigendosi verso il refettorio per il pranzo.

_________________


Monsignora Jalisse Borgia Hohenstaufen
Monaca Capitolare dell'Abbazia di Fornovo
Arcivescovo di Siena
Prefetto dell'Inquisizione
Decano della Facoltà di Teologia dell'Università della Repubblica di Firenze

Visitate l'Abbazia Cistercense di Fornovo
avatar
Jalisse
Confessore dell'Abate
Confessore dell'Abate

Messaggi : 4998
Data d'iscrizione : 10.11.14
Località nei RR : Volterra

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Angelus (prima settimana del mese)

Messaggio  Pamelita il Mar Ago 08, 2017 12:35 pm

Al suono della campana di mezzodì, Madre Pamela, lasciate le proprie occupazioni, raggiunse la cappella per recitare, insieme all'Abate e ai confratelli, l'Angelus

aprendo la preghiera comunitaria con l'introduzione:


"Angelus Domini hominem *protexit in Oanilonia.
Gli umani si erano abbandonati al peccato a tal punto * che Dio aveva deciso di punirli,
tuttavia, sette umani avevano capito * l’errore che avevano commesso.
Ma Dio vide che i sette puri avevano dimostrato che gli umani erano capaci di pentimento e umiltà.
*Li innalzò al sole ed essi furono benedetti da un’eternità di felicità in Paradiso.."



Innalzarono quindi l' Invocazione a San Gabriele, Arcangelo della Temperanza:
Gabriele, Arcangelo della Temperanza, *difendici da Leviatano, demone dell'Ira.


Lesse quindi la lettura propria del giorno:


Gabriele capì immediatamente che l’ora della caduta di Oanilonia era arrivata.
Decise di andare subito ad avvisare tutti coloro che aveva incontrato e l’aveva seguito sulla via della virtù per salvarli.
Cominciò dall’avvisare il suo amico Alcisde, l’armatore del “Que-Bec”, perché preparasse la barca ad imbarcare tutti quelli che Gabriele avrebbe portato, al fine di salvarli.
Percorse tutte le strade di Oanilonia, dicendo a tutti quelli che conosceva di andare al porto e di imbracarsi sul “Que-Bec”, raccomandandosi di non portare niente che potesse appesantire la braca. Quando tornò al porto accompagnato da quattro orfani, vide Leviatano che, con gli occhi folli di furia e collera, lanciava un’enorme trave sulla barca, che cadendo sulla sua vela lo rese prigioniero della città. Mentre una risata tonante da folle usciva dalla gola di Leviatano, Gabriele, ascoltando solo la sua fede, saltò sul ponte per aiutare a liberare il “Que-Bec”. La trave era molta alta e Gabriele, che era molto forte, propose di fare del suo corpo una scala. Prese un asse, che teneva tra le mani e disse ad uno dei marinai: “Sali sul mio corpo, mi puoi usare come una scala”. Questi riuscì così ad arrampicarsi sino alla trave e liberare la barca. Tutti allora gridarono: “Viva Gabriele che fece del suo corpo una scala, viva il “Que-Bec” libero!”.


Dopo di che recitarono insieme, a cori alterni, il salmo:

Questo giorno è un giorno totalmente nuovo,
*non è mai esistito e non esisterà mai più.
Prendete dunque questo giorno e fatene una scala.
**Per raggiungere le più alte vette.
Non permettete che la fine del giorno
*Vi trovi simili a come eravate all’alba
Perché domani potrebbe essere il giorno in cui sarete giudicati.



E a seguire la preghiera a San Gabriele Arcangelo:

San Gabriele Arcangelo,
angelo della Temperanza,
apri le nostre orecchie
ai dolci avvertimenti
e agli appelli pressanti dell’Altissimo.
Tieniti sempre davanti a noi,
ti scongiuriamo,
affinché comprendiamo bene
la parola di Dio,
affinché lo seguiamo,
affinché gli obbediamo
e adempiamo a ciò che vuole da noi.
Aiutaci a restare svegli,
affinché, quando arriverà,
il Signore non ci trovi addormentati.




Infine, terminarono la recita dell'Angelus con l' invocazione finale a San Gabriele Arcangelo:


Gabriele, Arcangelo della Temperanza,

*difendici da Leviatano, demone dell'Ira


Finita la recita comunitaria dell'Angelus, insieme all'Abate e ai confratelli, lasciò la cappella dirigendosi verso il refettorio per il pranzo.
avatar
Pamelita
Priore
Priore

Messaggi : 5760
Data d'iscrizione : 28.08.12
Località nei RR : Pavia ( ducato di Milano)-Vicario Generale dell'Arcidiocesi di Milano-Vescovo di Pavia.

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Angelus (prima settimana del mese)

Messaggio  m.azzurra il Mar Ago 08, 2017 1:36 pm

Pamelita ha scritto:Al suono della campana di mezzodì, Madre Pamela, lasciate le proprie occupazioni, raggiunse la cappella per recitare, insieme all'Abate e ai confratelli, l'Angelus

aprendo la preghiera comunitaria con l'introduzione:


"Angelus Domini hominem *protexit in Oanilonia.
Gli umani si erano abbandonati al peccato a tal punto * che Dio aveva deciso di punirli,
tuttavia, sette umani avevano capito * l’errore che avevano commesso.
Ma Dio vide che i sette puri avevano dimostrato che gli umani erano capaci di pentimento e umiltà.
*Li innalzò al sole ed essi furono benedetti da un’eternità di felicità in Paradiso.."



Innalzarono quindi l' Invocazione a San Gabriele, Arcangelo della Temperanza:
Gabriele, Arcangelo della Temperanza, *difendici da Leviatano, demone dell'Ira.


Lesse quindi la lettura propria del giorno:


Gabriele capì immediatamente che l’ora della caduta di Oanilonia era arrivata.
Decise di andare subito ad avvisare tutti coloro che aveva incontrato e l’aveva seguito sulla via della virtù per salvarli.
Cominciò dall’avvisare il suo amico Alcisde, l’armatore del “Que-Bec”, perché preparasse la barca ad imbarcare tutti quelli che Gabriele avrebbe portato, al fine di salvarli.
Percorse tutte le strade di Oanilonia, dicendo a tutti quelli che conosceva di andare al porto e di imbracarsi sul “Que-Bec”, raccomandandosi di non portare niente che potesse appesantire la braca. Quando tornò al porto accompagnato da quattro orfani, vide Leviatano che, con gli occhi folli di furia e collera, lanciava un’enorme trave sulla barca, che cadendo sulla sua vela lo rese prigioniero della città. Mentre una risata tonante da folle usciva dalla gola di Leviatano, Gabriele, ascoltando solo la sua fede, saltò sul ponte per aiutare a liberare il “Que-Bec”. La trave era molta alta e Gabriele, che era molto forte, propose di fare del suo corpo una scala. Prese un asse, che teneva tra le mani e disse ad uno dei marinai: “Sali sul mio corpo, mi puoi usare come una scala”. Questi riuscì così ad arrampicarsi sino alla trave e liberare la barca. Tutti allora gridarono: “Viva Gabriele che fece del suo corpo una scala, viva il “Que-Bec” libero!”.


Dopo di che recitarono insieme, a cori alterni, il salmo:

Questo giorno è un giorno totalmente nuovo,
*non è mai esistito e non esisterà mai più.
Prendete dunque questo giorno e fatene una scala.
**Per raggiungere le più alte vette.
Non permettete che la fine del giorno
*Vi trovi simili a come eravate all’alba
Perché domani potrebbe essere il giorno in cui sarete giudicati.



E a seguire la preghiera a San Gabriele Arcangelo:

San Gabriele Arcangelo,
angelo della Temperanza,
apri le nostre orecchie
ai dolci avvertimenti
e agli appelli pressanti dell’Altissimo.
Tieniti sempre davanti a noi,
ti scongiuriamo,
affinché comprendiamo bene
la parola di Dio,
affinché lo seguiamo,
affinché gli obbediamo
e adempiamo a ciò che vuole da noi.
Aiutaci a restare svegli,
affinché, quando arriverà,
il Signore non ci trovi addormentati.




Infine, terminarono la recita dell'Angelus con l' invocazione finale a San Gabriele Arcangelo:


Gabriele, Arcangelo della Temperanza,

*difendici da Leviatano, demone dell'Ira


Finita la recita comunitaria dell'Angelus, insieme all'Abate e ai confratelli, lasciò la cappella dirigendosi verso il refettorio per il pranzo.

_________________

Vicario Generale Aggiunto - Vescovo di Mantua
avatar
m.azzurra
Monaca Capitolare
Monaca Capitolare

Messaggi : 2181
Data d'iscrizione : 10.02.11
Località nei RR : Aquileia

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Angelus (prima settimana del mese)

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 19 di 20 Precedente  1 ... 11 ... 18, 19, 20  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum