L'Angelus (terza settimana del mese)

Pagina 16 di 16 Precedente  1 ... 9 ... 14, 15, 16

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: L'Angelus (terza settimana del mese)

Messaggio  Jalisse il Ven Dic 23, 2016 11:31 am

Suonata la campana di mezzodì, Madre Jalisse insieme all'Abate e ai confratelli, recitò l'Angelus del   VENERDI'

che aprì con l' Introduzione:


Angelus Domini hominem *protexit in Oanilonia.
Gli umani si erano abbandonati al peccato a tal punto * che Dio aveva deciso di punirli,
tuttavia, sette umani avevano capito * l’errore che avevano commesso.
Ma Dio vide che i sette puri avevano dimostrato che gli umani erano capaci di pentimento e umiltà.
*Li innalzò al sole ed essi furono benedetti da un’eternità di felicità in Paradiso.



Seguì l'Invocazione a San Silfaele, Arcangelo del Piacere:

Silfaele, Arcangelo del Piacere, *difendici da Lucifero, demone dell'accidia.


Lesse quindi la Lettura propria del giorno:


In quei tempi tumultuosi per la città viveva un giovane chiamato Silfaele di Hedon. Sapeva brillare in società, era dotato di talenti in tutte le arti, ma ciò che gli procurava l’ammirazione della sua cerchia era la sua straordinaria capacità di assaporare ogni istante della vita.
[...] Silfaele, re delle notti di Oanilonia, gustava tutti i vini, poi appena titubante cominciava a dare il suo concerto di lira in favore dell’associazione “saggezza riunita di Oane”. Si vedevano allora le torce dei suoi adulatori sconvolti, inviarlo dritto al firmamento.
Spesso l’indomani all’aurora e dopo che aveva trovato nuove fonti di piacere studiando con Colomba, non era raro vedere Silfaele preparare una tisana al capezzale di un Lucifero dai tratti rovinati, nauseati, livido.
“Tu confondi piacere e felicità, mio povero Luc!” lo ammoniva Silf mentre il suo amico si preparava ad una giornata di mortificazioni e autopunizioni di tutti i generi perché come una banderuola folle Lucifero il volubile non cessava di passare da una sete di piacere estremo ad un abbattimento colpevole e deprimente “e così affatichi il tuo corpo molto duramente con incessanti privazioni e eterni eccessi”.


Recitarono, poi, insieme, a cori alterni il Salmo:

Tu confondi piacere e felicità
*la virtù è il piacere stesso!
Dio ci ha dato i sensi per gustarlo
*e perché l’amore della vita restasse l’Amore
Chi entra in depressione spirituale,
*che resta passivo, che non ha più gusto per la vita,
e che ignora la sua soddisfazione
*non arriverà a raggiungere il sole.



Dopo di che innalzò la Preghiera a San Silfaele:

San Silfaele,
angelo del Piacere
scaccia da me peccatore l’accidia,
la dimenticanza, l’ignoranza, la trascuratezza;
ed ogni pensiero malvagio,
e dalla presunzione,
e liberami da tutte le mie cattive azioni
di notte e di giorno.



Concluse, infine, la recita dell'Angelus con l' Invocazione finale all'Arcangelo del Piacere:


Silfaele, Arcangelo del Piacere, *difendici da Lucifero, demone dell'accidia


Terminata la recita dell'Angelus, raggiunsero tutti insieme il refettorio per il pranzo.

_________________


Monsignora Jalisse Borgia Hohenstaufen
Monaca Capitolare dell'Abbazia di Fornovo
Arcivescovo di Siena
Prefetto dell'Inquisizione
Decano della Facoltà di Teologia dell'Università della Repubblica di Firenze

Visitate l'Abbazia Cistercense di Fornovo

Jalisse
Confessore dell'Abate
Confessore dell'Abate

Messaggi : 3795
Data d'iscrizione : 10.11.14
Località nei RR : Volterra

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Angelus (terza settimana del mese)

Messaggio  Marzia_ il Ven Dic 23, 2016 2:04 pm

Suonata la campana di mezzodì, Sorella Marzia_ insieme all'Abate e ai confratelli, recitò l'Angelus del   VENERDI'

che aprì con l' Introduzione:


Angelus Domini hominem *protexit in Oanilonia.
Gli umani si erano abbandonati al peccato a tal punto * che Dio aveva deciso di punirli,
tuttavia, sette umani avevano capito * l’errore che avevano commesso.
Ma Dio vide che i sette puri avevano dimostrato che gli umani erano capaci di pentimento e umiltà.
*Li innalzò al sole ed essi furono benedetti da un’eternità di felicità in Paradiso.



Seguì l'Invocazione a San Silfaele, Arcangelo del Piacere:

Silfaele, Arcangelo del Piacere, *difendici da Lucifero, demone dell'accidia.


Lesse quindi la Lettura propria del giorno:


In quei tempi tumultuosi per la città viveva un giovane chiamato Silfaele di Hedon. Sapeva brillare in società, era dotato di talenti in tutte le arti, ma ciò che gli procurava l’ammirazione della sua cerchia era la sua straordinaria capacità di assaporare ogni istante della vita.
[...] Silfaele, re delle notti di Oanilonia, gustava tutti i vini, poi appena titubante cominciava a dare il suo concerto di lira in favore dell’associazione “saggezza riunita di Oane”. Si vedevano allora le torce dei suoi adulatori sconvolti, inviarlo dritto al firmamento.
Spesso l’indomani all’aurora e dopo che aveva trovato nuove fonti di piacere studiando con Colomba, non era raro vedere Silfaele preparare una tisana al capezzale di un Lucifero dai tratti rovinati, nauseati, livido.
“Tu confondi piacere e felicità, mio povero Luc!” lo ammoniva Silf mentre il suo amico si preparava ad una giornata di mortificazioni e autopunizioni di tutti i generi perché come una banderuola folle Lucifero il volubile non cessava di passare da una sete di piacere estremo ad un abbattimento colpevole e deprimente “e così affatichi il tuo corpo molto duramente con incessanti privazioni e eterni eccessi”.


Recitarono, poi, insieme, a cori alterni il Salmo:

Tu confondi piacere e felicità
*la virtù è il piacere stesso!
Dio ci ha dato i sensi per gustarlo
*e perché l’amore della vita restasse l’Amore
Chi entra in depressione spirituale,
*che resta passivo, che non ha più gusto per la vita,
e che ignora la sua soddisfazione
*non arriverà a raggiungere il sole.



Dopo di che innalzò la Preghiera a San Silfaele:

San Silfaele,
angelo del Piacere
scaccia da me peccatore l’accidia,
la dimenticanza, l’ignoranza, la trascuratezza;
ed ogni pensiero malvagio,
e dalla presunzione,
e liberami da tutte le mie cattive azioni
di notte e di giorno.



Concluse, infine, la recita dell'Angelus con l' Invocazione finale all'Arcangelo del Piacere:


Silfaele, Arcangelo del Piacere, *difendici da Lucifero, demone dell'accidia


Terminata la recita dell'Angelus, raggiunsero tutti insieme il refettorio per il pranzo.

Marzia_
Capo Portiere
Capo Portiere

Messaggi : 1559
Data d'iscrizione : 20.03.11
Località nei RR : Parma

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Angelus (terza settimana del mese)

Messaggio  Jalisse il Sab Dic 24, 2016 11:06 am

Angelus del SABATO


che aprì con l' Introduzione:


Angelus Domini hominem *protexit in Oanilonia.
Gli umani si erano abbandonati al peccato a tal punto * che Dio aveva deciso di punirli,
tuttavia, sette umani avevano capito * l’errore che avevano commesso.
Ma Dio vide che i sette puri avevano dimostrato che gli umani erano capaci di pentimento e umiltà.
*Li innalzò al sole ed essi furono benedetti da un’eternità di felicità in Paradiso.



Seguì l'Invocazione a San Silfaele, Arcangelo del Piacere:

Silfaele, Arcangelo del Piacere, *difendici da Lucifero, demone dell'accidia.


Lesse quindi la Lettura propria del giorno:


In quei tempi tumultuosi per la città viveva un giovane chiamato Silfaele di Hedon. Sapeva brillare in società, era dotato di talenti in tutte le arti, ma ciò che gli procurava l’ammirazione della sua cerchia era la sua straordinaria capacità di assaporare ogni istante della vita.
[...] Silfaele, re delle notti di Oanilonia, gustava tutti i vini, poi appena titubante cominciava a dare il suo concerto di lira in favore dell’associazione “saggezza riunita di Oane”. Si vedevano allora le torce dei suoi adulatori sconvolti, inviarlo dritto al firmamento.
Spesso l’indomani all’aurora e dopo che aveva trovato nuove fonti di piacere studiando con Colomba, non era raro vedere Silfaele preparare una tisana al capezzale di un Lucifero dai tratti rovinati, nauseati, livido.
“Tu confondi piacere e felicità, mio povero Luc!” lo ammoniva Silf mentre il suo amico si preparava ad una giornata di mortificazioni e autopunizioni di tutti i generi perché come una banderuola folle Lucifero il volubile non cessava di passare da una sete di piacere estremo ad un abbattimento colpevole e deprimente “e così affatichi il tuo corpo molto duramente con incessanti privazioni e eterni eccessi”.


Recitarono, poi, insieme, a cori alterni il Salmo:

Tu confondi piacere e felicità
*la virtù è il piacere stesso!
Dio ci ha dato i sensi per gustarlo
*e perché l’amore della vita restasse l’Amore
Chi entra in depressione spirituale,
*che resta passivo, che non ha più gusto per la vita,
e che ignora la sua soddisfazione
*non arriverà a raggiungere il sole.



Dopo di che innalzò la Preghiera a San Silfaele:

San Silfaele,
angelo del Piacere
scaccia da me peccatore l’accidia,
la dimenticanza, l’ignoranza, la trascuratezza;
ed ogni pensiero malvagio,
e dalla presunzione,
e liberami da tutte le mie cattive azioni
di notte e di giorno.



Concluse, infine, la recita dell'Angelus con l' Invocazione finale all'Arcangelo del Piacere:


Silfaele, Arcangelo del Piacere, *difendici da Lucifero, demone dell'accidia


Terminata la recita dell'Angelus, raggiunsero tutti insieme il refettorio per il pranzo.

_________________


Monsignora Jalisse Borgia Hohenstaufen
Monaca Capitolare dell'Abbazia di Fornovo
Arcivescovo di Siena
Prefetto dell'Inquisizione
Decano della Facoltà di Teologia dell'Università della Repubblica di Firenze

Visitate l'Abbazia Cistercense di Fornovo

Jalisse
Confessore dell'Abate
Confessore dell'Abate

Messaggi : 3795
Data d'iscrizione : 10.11.14
Località nei RR : Volterra

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Angelus (terza settimana del mese)

Messaggio  pamelita il Sab Dic 24, 2016 6:45 pm

Suonata la campana di mezzodì, Madre Pamela lasciò le sue incombenze per recarsi in cappella, dove, insieme all'Abate e ai confratelli, recitò l'Angelus del Sabato


che aprì con l' Introduzione:


Angelus Domini hominem *protexit in Oanilonia.
Gli umani si erano abbandonati al peccato a tal punto * che Dio aveva deciso di punirli,
tuttavia, sette umani avevano capito * l’errore che avevano commesso.
Ma Dio vide che i sette puri avevano dimostrato che gli umani erano capaci di pentimento e umiltà.
*Li innalzò al sole ed essi furono benedetti da un’eternità di felicità in Paradiso.



Seguì l'Invocazione a San Silfaele, Arcangelo del Piacere:

Silfaele, Arcangelo del Piacere, *difendici da Lucifero, demone dell'accidia.


Lesse quindi la Lettura propria del giorno:


In quei tempi tumultuosi per la città viveva un giovane chiamato Silfaele di Hedon. Sapeva brillare in società, era dotato di talenti in tutte le arti, ma ciò che gli procurava l’ammirazione della sua cerchia era la sua straordinaria capacità di assaporare ogni istante della vita.
[...] Silfaele, re delle notti di Oanilonia, gustava tutti i vini, poi appena titubante cominciava a dare il suo concerto di lira in favore dell’associazione “saggezza riunita di Oane”. Si vedevano allora le torce dei suoi adulatori sconvolti, inviarlo dritto al firmamento.
Spesso l’indomani all’aurora e dopo che aveva trovato nuove fonti di piacere studiando con Colomba, non era raro vedere Silfaele preparare una tisana al capezzale di un Lucifero dai tratti rovinati, nauseati, livido.
“Tu confondi piacere e felicità, mio povero Luc!” lo ammoniva Silf mentre il suo amico si preparava ad una giornata di mortificazioni e autopunizioni di tutti i generi perché come una banderuola folle Lucifero il volubile non cessava di passare da una sete di piacere estremo ad un abbattimento colpevole e deprimente “e così affatichi il tuo corpo molto duramente con incessanti privazioni e eterni eccessi”.


Recitarono, poi, insieme, a cori alterni il Salmo:

Tu confondi piacere e felicità
*la virtù è il piacere stesso!
Dio ci ha dato i sensi per gustarlo
*e perché l’amore della vita restasse l’Amore
Chi entra in depressione spirituale,
*che resta passivo, che non ha più gusto per la vita,
e che ignora la sua soddisfazione
*non arriverà a raggiungere il sole.



Dopo di che innalzò la Preghiera a San Silfaele:

San Silfaele,
angelo del Piacere
scaccia da me peccatore l’accidia,
la dimenticanza, l’ignoranza, la trascuratezza;
ed ogni pensiero malvagio,
e dalla presunzione,
e liberami da tutte le mie cattive azioni
di notte e di giorno.



Concluse, infine, la recita dell'Angelus con l' Invocazione finale all'Arcangelo del Piacere:


Silfaele, Arcangelo del Piacere, *difendici da Lucifero, demone dell'accidia


Terminata la recita dell'Angelus, raggiunsero tutti insieme il refettorio per il pranzo.

pamelita
Definitore Generale
Definitore Generale

Messaggi : 3988
Data d'iscrizione : 28.08.12
Località nei RR : Pavia ( ducato di Milano)-Vicario Generale dell'Arcidiocesi di Milano-Vescovo di Pavia.

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Angelus (terza settimana del mese)

Messaggio  Jalisse il Dom Dic 25, 2016 10:21 am

Suonata la campana di mezzodì, Madre Jalisse raggiunse la cappella per recitare, insieme all'Abate e ai confratelli, l'Angelus della DOMENICA

che aprì con l'introduzione:


"Angelus Domini hominem *protexit in Oanilonia.
Gli umani si erano abbandonati al peccato a tal punto * che Dio aveva deciso di punirli,
tuttavia, sette umani avevano capito * l’errore che avevano commesso.
Ma Dio vide che i sette puri avevano dimostrato che gli umani erano capaci di pentimento e umiltà.
*Li innalzò al sole ed essi furono benedetti da un’eternità di felicità in Paradiso.."



Seguì l'Invocazione all'Arcangelo della Convinzione, Santa Raffaella:

Raffaella, Arcangelo della Convinzione, *difendici da Asmodeo, demone della lussuria.



Quindi proclamò la Lettura propria del giorno:

Ogni uomo era stato posto in una particolare situazione che poteva evolvere, non solo in ragione dei desideri di Dio o del male ispirato dalla creatura senza nome, ma in funzione del modo in cui ogni fratello e ogni sorella disponeva del proprio libero arbitrio e della propria libertà. Le azioni di ciascuno, se non erano riscattate su questa terra, sarebbero state riscattate quando Dio sarebbe venuto a prenderli.
L’evidente verità venne a trasfigurare Raffaella per amore divino. Si mise in ginocchio, in lacrime, e pregò.
Che il Signore, Dio dell’Universo, le dia la forza di servire umilmente e amorevolmente in ogni tempo e in ogni luogo.

Pregò per tutta la notte poi al mattino si alzò, piena di una nuova sicurezza.
Era fiduciosa, Dio era lì con lei, ed ella dimorava in Lui.
Un’aura benefattrice e amorevole brillava ora intorno a lei. Se gli occhi erano e restano incapaci di vederla, l’anima era capace di percepirla poiché l’anima seguiva l’amore, il dono più grande che Dio aveva fatto all’uomo.

Dopo di che, recitarono insieme,a cori alterni, il Salmo:

Perché gridi? Le tue grida spargono l’eco nelle montagne e turbano il corso dei fiumi.
*Pietrificano di paura i piccoli di questo mondo e fanno combattere i più saggi.
Ecco il tracciato della tua vita. Quelle tracce sono i tuoi passi.”

* Se quelle tracce sono i miei passi,  a chi appartengono le tracce che proseguono a fianco?”
Sono le mie, cammino al tuo fianco da quando sei venuta al mondo.”
*Nei momenti più difficili, ci sono solo due impronte. Perché non c’eri quando avevo bisogno di te?”
Se vedi solo due tracce è perché ti portavo in braccio.
* Te l’ho detto, ma le tue orecchie non volevano ascoltare,
mi sono mostrato a te ma i tuoi occhi non volevano vedere,
* ti ho preso per mano ma non me l’hai stretta;
allora mi sono rivelato al tuo cuore e tu hai creduto.
*Mi hai cercato e mi sono rivelato.
risponderò nel profondo del tuo cuore.
*Se cadi, ti rialzerò
perchè ora sai che sono con te
* fino alla fine dei tempi.



Innalzarono, poi, all'Altissimo la Preghiera:

O Dio,
Te in Cui credo,
Te che guidi i miei passi,
Dammi la forza di professare la grandezza del Tuo Nome
Così come l’amore e l’adorazione che provo per Lui.
Inviami il Tuo arcangelo Raffaella, perché cammini al mio fianco,
perché non sia più solo davanti al nemico della mia fede e della mia convinzione.
Che i miei atti obbediscano al mio cuore e che anche la mia mano sinistra segua i comandi della destra.
Che il mio cuore abbia timore di Te.
E ch’io annunci il Tuo Santo Nome.
Dio, degnati di alzare la mano, Perché Raffaella discenda e mi venga in aiuto.
Così sia!



Conclusero,infine, la recita dell'Angelus con l'Invocazione finale:

Raffaella, Arcangelo della Convinzione, *difendici da Asmodeo, demone della lussuria.


Terminata la recita dell'Angelus, si recarono tutti insieme in refettorio per il pranzo domenicale.

_________________


Monsignora Jalisse Borgia Hohenstaufen
Monaca Capitolare dell'Abbazia di Fornovo
Arcivescovo di Siena
Prefetto dell'Inquisizione
Decano della Facoltà di Teologia dell'Università della Repubblica di Firenze

Visitate l'Abbazia Cistercense di Fornovo

Jalisse
Confessore dell'Abate
Confessore dell'Abate

Messaggi : 3795
Data d'iscrizione : 10.11.14
Località nei RR : Volterra

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Angelus (terza settimana del mese)

Messaggio  pamelita il Dom Dic 25, 2016 9:01 pm

Suonata la campana di mezzodì, Madre Pamela raggiunse la cappella per recitare, insieme all'Abate e ai confratelli, l'Angelus domenicale

che aprì con l'introduzione:


"Angelus Domini hominem *protexit in Oanilonia.
Gli umani si erano abbandonati al peccato a tal punto * che Dio aveva deciso di punirli,
tuttavia, sette umani avevano capito * l’errore che avevano commesso.
Ma Dio vide che i sette puri avevano dimostrato che gli umani erano capaci di pentimento e umiltà.
*Li innalzò al sole ed essi furono benedetti da un’eternità di felicità in Paradiso.."



Seguì l'Invocazione all'Arcangelo della Convinzione, Santa Raffaella:

Raffaella, Arcangelo della Convinzione, *difendici da Asmodeo, demone della lussuria.



Quindi proclamò la Lettura propria del giorno:

Ogni uomo era stato posto in una particolare situazione che poteva evolvere, non solo in ragione dei desideri di Dio o del male ispirato dalla creatura senza nome, ma in funzione del modo in cui ogni fratello e ogni sorella disponeva del proprio libero arbitrio e della propria libertà. Le azioni di ciascuno, se non erano riscattate su questa terra, sarebbero state riscattate quando Dio sarebbe venuto a prenderli.
L’evidente verità venne a trasfigurare Raffaella per amore divino. Si mise in ginocchio, in lacrime, e pregò.
Che il Signore, Dio dell’Universo, le dia la forza di servire umilmente e amorevolmente in ogni tempo e in ogni luogo.

Pregò per tutta la notte poi al mattino si alzò, piena di una nuova sicurezza.
Era fiduciosa, Dio era lì con lei, ed ella dimorava in Lui.
Un’aura benefattrice e amorevole brillava ora intorno a lei. Se gli occhi erano e restano incapaci di vederla, l’anima era capace di percepirla poiché l’anima seguiva l’amore, il dono più grande che Dio aveva fatto all’uomo.

Dopo di che, recitarono insieme,a cori alterni, il Salmo:

Perché gridi? Le tue grida spargono l’eco nelle montagne e turbano il corso dei fiumi.
*Pietrificano di paura i piccoli di questo mondo e fanno combattere i più saggi.
Ecco il tracciato della tua vita. Quelle tracce sono i tuoi passi.”

* Se quelle tracce sono i miei passi,  a chi appartengono le tracce che proseguono a fianco?”
Sono le mie, cammino al tuo fianco da quando sei venuta al mondo.”
*Nei momenti più difficili, ci sono solo due impronte. Perché non c’eri quando avevo bisogno di te?”
Se vedi solo due tracce è perché ti portavo in braccio.
* Te l’ho detto, ma le tue orecchie non volevano ascoltare,
mi sono mostrato a te ma i tuoi occhi non volevano vedere,
* ti ho preso per mano ma non me l’hai stretta;
allora mi sono rivelato al tuo cuore e tu hai creduto.
*Mi hai cercato e mi sono rivelato.
risponderò nel profondo del tuo cuore.
*Se cadi, ti rialzerò
perchè ora sai che sono con te
* fino alla fine dei tempi.



Innalzarono, poi, all'Altissimo la Preghiera:

O Dio,
Te in Cui credo,
Te che guidi i miei passi,
Dammi la forza di professare la grandezza del Tuo Nome
Così come l’amore e l’adorazione che provo per Lui.
Inviami il Tuo arcangelo Raffaella, perché cammini al mio fianco,
perché non sia più solo davanti al nemico della mia fede e della mia convinzione.
Che i miei atti obbediscano al mio cuore e che anche la mia mano sinistra segua i comandi della destra.
Che il mio cuore abbia timore di Te.
E ch’io annunci il Tuo Santo Nome.
Dio, degnati di alzare la mano, Perché Raffaella discenda e mi venga in aiuto.
Così sia!



Conclusero,infine, la recita dell'Angelus con l'Invocazione finale:

Raffaella, Arcangelo della Convinzione, *difendici da Asmodeo, demone della lussuria.


Terminata la recita dell'Angelus, si recarono tutti insieme in refettorio per il pranzo domenicale.

pamelita
Definitore Generale
Definitore Generale

Messaggi : 3988
Data d'iscrizione : 28.08.12
Località nei RR : Pavia ( ducato di Milano)-Vicario Generale dell'Arcidiocesi di Milano-Vescovo di Pavia.

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Angelus (terza settimana del mese)

Messaggio  Jalisse il Lun Dic 26, 2016 10:48 am

Angelus del LUNEDI'


Aprì la preghiera con la recitazione, a cori alterni, dell'Introduzione:


Angelus Domini hominem *protexit in Oanilonia.
Gli umani si erano abbandonati al peccato a tal punto * che Dio aveva deciso di punirli,
tuttavia, sette umani avevano capito * l’errore che avevano commesso.
Ma Dio vide che i sette puri avevano dimostrhttp://www.iregni.com/FichePersonnage.php?login=pamelitaato che gli umani erano capaci di pentimento e umiltà.
*Li innalzò al sole ed essi furono benedetti da un’eternità di felicità in Paradiso.



Seguì l' Invocazione a San Gabriele, Arcangelo della Temperanza:

Gabriele, Arcangelo della Temperanza, *difendici da Leviatano, demone dell'Ira.

Proclamò quindi la Lettura propria del giorno:

Gabriele capì immediatamente che l’ora della caduta di Oanilonia era arrivata.
Decise di andare subito ad avvisare tutti coloro che aveva incontrato e l’aveva seguito sulla via della virtù per salvarli.
Cominciò dall’avvisare il suo amico Alcisde, l’armatore del “Que-Bec”, perché preparasse la barca ad imbarcare tutti quelli che Gabriele avrebbe portato, al fine di salvarli.
Percorse tutte le strade di Oanilonia, dicendo a tutti quelli che conosceva di andare al porto e di imbracarsi sul “Que-Bec”, raccomandandosi di non portare niente che potesse appesantire la braca. Quando tornò al porto accompagnato da quattro orfani, vide Leviatano che, con gli occhi folli di furia e collera, lanciava un’enorme trave sulla barca, che cadendo sulla sua vela lo rese prigioniero della città. Mentre una risata tonante da folle usciva dalla gola di Leviatano, Gabriele, ascoltando solo la sua fede, saltò sul ponte per aiutare a liberare il “Que-Bec”. La trave era molta alta e Gabriele, che era molto forte, propose di fare del suo corpo una scala. Prese un asse, che teneva tra le mani e disse ad uno dei marinai: “Sali sul mio corpo, mi puoi usare come una scala”. Questi riuscì così ad arrampicarsi sino alla trave e liberare la barca. Tutti allora gridarono: “Viva Gabriele che fece del suo corpo una scala, viva il “Que-Bec” libero!”.


Dopo di che recitarono, a cori alterni, il Salmo:

Questo giorno è un giorno totalmente nuovo,
*non è mai esistito e non esisterà mai più.
Prendete dunque questo giorno e fatene una scala
*Per raggiungere le più alte vette.
Non permettete che la fine del giorno
*Vi trovi simili a come eravate all’alba.
Perché domani potrebbe essere il giorno in cui sarete giudicati.



Innalzò poi la Preghiera a San Gabriele Arcangelo:

San Gabriele Arcangelo,
angelo della Temperanza,
apri le nostre orecchie
ai dolci avvertimenti
e agli appelli pressanti dell’Altissimo.
Tieniti sempre davanti a noi,
ti scongiuriamo,
affinché comprendiamo bene
la parola di Dio,
affinché lo seguiamo,
affinché gli obbediamo
e adempiamo a ciò che vuole da noi.
Aiutaci a restare svegli,
affinché, quando arriverà,
il Signore non ci trovi addormentati.


Concluse, infine, la preghiera con l' Invocazione Finale:

Gabriele, Arcangelo della Temperanza, *difendici da Leviatano, demone dell'Ira.

Terminata la recita dell'Angelus, si recarono tutti insieme in refettorio per il pranzo.

_________________


Monsignora Jalisse Borgia Hohenstaufen
Monaca Capitolare dell'Abbazia di Fornovo
Arcivescovo di Siena
Prefetto dell'Inquisizione
Decano della Facoltà di Teologia dell'Università della Repubblica di Firenze

Visitate l'Abbazia Cistercense di Fornovo

Jalisse
Confessore dell'Abate
Confessore dell'Abate

Messaggi : 3795
Data d'iscrizione : 10.11.14
Località nei RR : Volterra

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Angelus (terza settimana del mese)

Messaggio  Jalisse il Lun Gen 16, 2017 9:06 am

Angelus del LUNEDI'


Aprì la preghiera con la recitazione, a cori alterni, dell'Introduzione:


Angelus Domini hominem *protexit in Oanilonia.
Gli umani si erano abbandonati al peccato a tal punto * che Dio aveva deciso di punirli,
tuttavia, sette umani avevano capito * l’errore che avevano commesso.
Ma Dio vide che i sette puri avevano dimostrhttp://www.iregni.com/FichePersonnage.php?login=pamelitaato che gli umani erano capaci di pentimento e umiltà.
*Li innalzò al sole ed essi furono benedetti da un’eternità di felicità in Paradiso.



Seguì l' Invocazione a San Gabriele, Arcangelo della Temperanza:

Gabriele, Arcangelo della Temperanza, *difendici da Leviatano, demone dell'Ira.

Proclamò quindi la Lettura propria del giorno:

Gabriele capì immediatamente che l’ora della caduta di Oanilonia era arrivata.
Decise di andare subito ad avvisare tutti coloro che aveva incontrato e l’aveva seguito sulla via della virtù per salvarli.
Cominciò dall’avvisare il suo amico Alcisde, l’armatore del “Que-Bec”, perché preparasse la barca ad imbarcare tutti quelli che Gabriele avrebbe portato, al fine di salvarli.
Percorse tutte le strade di Oanilonia, dicendo a tutti quelli che conosceva di andare al porto e di imbracarsi sul “Que-Bec”, raccomandandosi di non portare niente che potesse appesantire la braca. Quando tornò al porto accompagnato da quattro orfani, vide Leviatano che, con gli occhi folli di furia e collera, lanciava un’enorme trave sulla barca, che cadendo sulla sua vela lo rese prigioniero della città. Mentre una risata tonante da folle usciva dalla gola di Leviatano, Gabriele, ascoltando solo la sua fede, saltò sul ponte per aiutare a liberare il “Que-Bec”. La trave era molta alta e Gabriele, che era molto forte, propose di fare del suo corpo una scala. Prese un asse, che teneva tra le mani e disse ad uno dei marinai: “Sali sul mio corpo, mi puoi usare come una scala”. Questi riuscì così ad arrampicarsi sino alla trave e liberare la barca. Tutti allora gridarono: “Viva Gabriele che fece del suo corpo una scala, viva il “Que-Bec” libero!”.


Dopo di che recitarono, a cori alterni, il Salmo:

Questo giorno è un giorno totalmente nuovo,
*non è mai esistito e non esisterà mai più.
Prendete dunque questo giorno e fatene una scala
*Per raggiungere le più alte vette.
Non permettete che la fine del giorno
*Vi trovi simili a come eravate all’alba.
Perché domani potrebbe essere il giorno in cui sarete giudicati.



Innalzò poi la Preghiera a San Gabriele Arcangelo:

San Gabriele Arcangelo,
angelo della Temperanza,
apri le nostre orecchie
ai dolci avvertimenti
e agli appelli pressanti dell’Altissimo.
Tieniti sempre davanti a noi,
ti scongiuriamo,
affinché comprendiamo bene
la parola di Dio,
affinché lo seguiamo,
affinché gli obbediamo
e adempiamo a ciò che vuole da noi.
Aiutaci a restare svegli,
affinché, quando arriverà,
il Signore non ci trovi addormentati.


Concluse, infine, la preghiera con l' Invocazione Finale:

Gabriele, Arcangelo della Temperanza, *difendici da Leviatano, demone dell'Ira.

Terminata la recita dell'Angelus, si recarono tutti insieme in refettorio per il pranzo.

_________________


Monsignora Jalisse Borgia Hohenstaufen
Monaca Capitolare dell'Abbazia di Fornovo
Arcivescovo di Siena
Prefetto dell'Inquisizione
Decano della Facoltà di Teologia dell'Università della Repubblica di Firenze

Visitate l'Abbazia Cistercense di Fornovo

Jalisse
Confessore dell'Abate
Confessore dell'Abate

Messaggi : 3795
Data d'iscrizione : 10.11.14
Località nei RR : Volterra

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Angelus (terza settimana del mese)

Messaggio  pamelita il Lun Gen 16, 2017 11:09 am

Suonata la campana di mezzodì, madre Pamela raggiunse la cappella per recitare, insieme all'Abate e ai confratelli, l'Angelus.


Aprì la preghiera con la recitazione, a cori alterni, dell'Introduzione:


Angelus Domini hominem *protexit in Oanilonia.
Gli umani si erano abbandonati al peccato a tal punto * che Dio aveva deciso di punirli,
tuttavia, sette umani avevano capito * l’errore che avevano commesso.
Ma Dio vide che i sette puri avevano dimostrhttp://www.iregni.com/FichePersonnage.php?login=pamelitaato che gli umani erano capaci di pentimento e umiltà.
*Li innalzò al sole ed essi furono benedetti da un’eternità di felicità in Paradiso.



Seguì l' Invocazione a San Gabriele, Arcangelo della Temperanza:

Gabriele, Arcangelo della Temperanza, *difendici da Leviatano, demone dell'Ira.

Proclamò quindi la Lettura propria del giorno:

Gabriele capì immediatamente che l’ora della caduta di Oanilonia era arrivata.
Decise di andare subito ad avvisare tutti coloro che aveva incontrato e l’aveva seguito sulla via della virtù per salvarli.
Cominciò dall’avvisare il suo amico Alcisde, l’armatore del “Que-Bec”, perché preparasse la barca ad imbarcare tutti quelli che Gabriele avrebbe portato, al fine di salvarli.
Percorse tutte le strade di Oanilonia, dicendo a tutti quelli che conosceva di andare al porto e di imbracarsi sul “Que-Bec”, raccomandandosi di non portare niente che potesse appesantire la braca. Quando tornò al porto accompagnato da quattro orfani, vide Leviatano che, con gli occhi folli di furia e collera, lanciava un’enorme trave sulla barca, che cadendo sulla sua vela lo rese prigioniero della città. Mentre una risata tonante da folle usciva dalla gola di Leviatano, Gabriele, ascoltando solo la sua fede, saltò sul ponte per aiutare a liberare il “Que-Bec”. La trave era molta alta e Gabriele, che era molto forte, propose di fare del suo corpo una scala. Prese un asse, che teneva tra le mani e disse ad uno dei marinai: “Sali sul mio corpo, mi puoi usare come una scala”. Questi riuscì così ad arrampicarsi sino alla trave e liberare la barca. Tutti allora gridarono: “Viva Gabriele che fece del suo corpo una scala, viva il “Que-Bec” libero!”.


Dopo di che recitarono, a cori alterni, il Salmo:

Questo giorno è un giorno totalmente nuovo,
*non è mai esistito e non esisterà mai più.
Prendete dunque questo giorno e fatene una scala
*Per raggiungere le più alte vette.
Non permettete che la fine del giorno
*Vi trovi simili a come eravate all’alba.
Perché domani potrebbe essere il giorno in cui sarete giudicati.



Innalzò poi la Preghiera a San Gabriele Arcangelo:

San Gabriele Arcangelo,
angelo della Temperanza,
apri le nostre orecchie
ai dolci avvertimenti
e agli appelli pressanti dell’Altissimo.
Tieniti sempre davanti a noi,
ti scongiuriamo,
affinché comprendiamo bene
la parola di Dio,
affinché lo seguiamo,
affinché gli obbediamo
e adempiamo a ciò che vuole da noi.
Aiutaci a restare svegli,
affinché, quando arriverà,
il Signore non ci trovi addormentati.


Concluse, infine, la preghiera con l' Invocazione Finale:

Gabriele, Arcangelo della Temperanza, *difendici da Leviatano, demone dell'Ira.

Terminata la recita dell'Angelus, si recarono tutti insieme in refettorio per il pranzo.

pamelita
Definitore Generale
Definitore Generale

Messaggi : 3988
Data d'iscrizione : 28.08.12
Località nei RR : Pavia ( ducato di Milano)-Vicario Generale dell'Arcidiocesi di Milano-Vescovo di Pavia.

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Angelus (terza settimana del mese)

Messaggio  Marzia_ il Lun Gen 16, 2017 2:06 pm

Suonata la campana di mezzodì, Sorella Marzia raggiunse la cappella per recitare, insieme all'Abate e ai confratelli, l'Angelus.


Aprì la preghiera con la recitazione, a cori alterni, dell'Introduzione:


Angelus Domini hominem *protexit in Oanilonia.
Gli umani si erano abbandonati al peccato a tal punto * che Dio aveva deciso di punirli,
tuttavia, sette umani avevano capito * l’errore che avevano commesso.
Ma Dio vide che i sette puri avevano dimostrhttp://www.iregni.com/FichePersonnage.php?login=pamelitaato che gli umani erano capaci di pentimento e umiltà.
*Li innalzò al sole ed essi furono benedetti da un’eternità di felicità in Paradiso.



Seguì l' Invocazione a San Gabriele, Arcangelo della Temperanza:

Gabriele, Arcangelo della Temperanza, *difendici da Leviatano, demone dell'Ira.

Proclamò quindi la Lettura propria del giorno:

Gabriele capì immediatamente che l’ora della caduta di Oanilonia era arrivata.
Decise di andare subito ad avvisare tutti coloro che aveva incontrato e l’aveva seguito sulla via della virtù per salvarli.
Cominciò dall’avvisare il suo amico Alcisde, l’armatore del “Que-Bec”, perché preparasse la barca ad imbarcare tutti quelli che Gabriele avrebbe portato, al fine di salvarli.
Percorse tutte le strade di Oanilonia, dicendo a tutti quelli che conosceva di andare al porto e di imbracarsi sul “Que-Bec”, raccomandandosi di non portare niente che potesse appesantire la braca. Quando tornò al porto accompagnato da quattro orfani, vide Leviatano che, con gli occhi folli di furia e collera, lanciava un’enorme trave sulla barca, che cadendo sulla sua vela lo rese prigioniero della città. Mentre una risata tonante da folle usciva dalla gola di Leviatano, Gabriele, ascoltando solo la sua fede, saltò sul ponte per aiutare a liberare il “Que-Bec”. La trave era molta alta e Gabriele, che era molto forte, propose di fare del suo corpo una scala. Prese un asse, che teneva tra le mani e disse ad uno dei marinai: “Sali sul mio corpo, mi puoi usare come una scala”. Questi riuscì così ad arrampicarsi sino alla trave e liberare la barca. Tutti allora gridarono: “Viva Gabriele che fece del suo corpo una scala, viva il “Que-Bec” libero!”.


Dopo di che recitarono, a cori alterni, il Salmo:

Questo giorno è un giorno totalmente nuovo,
*non è mai esistito e non esisterà mai più.
Prendete dunque questo giorno e fatene una scala
*Per raggiungere le più alte vette.
Non permettete che la fine del giorno
*Vi trovi simili a come eravate all’alba.
Perché domani potrebbe essere il giorno in cui sarete giudicati.



Innalzò poi la Preghiera a San Gabriele Arcangelo:

San Gabriele Arcangelo,
angelo della Temperanza,
apri le nostre orecchie
ai dolci avvertimenti
e agli appelli pressanti dell’Altissimo.
Tieniti sempre davanti a noi,
ti scongiuriamo,
affinché comprendiamo bene
la parola di Dio,
affinché lo seguiamo,
affinché gli obbediamo
e adempiamo a ciò che vuole da noi.
Aiutaci a restare svegli,
affinché, quando arriverà,
il Signore non ci trovi addormentati.


Concluse, infine, la preghiera con l' Invocazione Finale:

Gabriele, Arcangelo della Temperanza, *difendici da Leviatano, demone dell'Ira.

Terminata la recita dell'Angelus, si recarono tutti insieme in refettorio per il pranzo.

Marzia_
Capo Portiere
Capo Portiere

Messaggi : 1559
Data d'iscrizione : 20.03.11
Località nei RR : Parma

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Angelus (terza settimana del mese)

Messaggio  Jalisse Ieri a 11:41 am

L'Angelus del MARTEDI'

Iniziò con l'Introduzione

Angelus Domini hominem *protexit in Oanilonia.
Gli umani si erano abbandonati al peccato a tal punto * che Dio aveva deciso di punirli,
tuttavia, sette umani avevano capito * l’errore che avevano commesso.
Ma Dio vide che i sette puri avevano dimostrato che gli umani erano capaci di pentimento e umiltà.
*Li innalzò al sole ed essi furono benedetti da un’eternità di felicità in Paradiso.



Al quale seguì l'Invocazione

Giorgio, Arcangelo dell'amicizia, *difendici da Belzebù, demone, dell'avarizia.

Seguì poi la Lettura

Allora venne Giorgio, seguito da tutti gli infelici che avevano incrociato nel suo cammino [e Giorgio disse alla guardia]: "In verità, ti dico, chiunque vive per i beni materiali, a scapito dell’amicizia che tutti i figli di dio dovrebbero avere verso i propri simili, non merita alcuna fiducia. Anziché uccidere per difendere l' avarizia di un uomo di tal genere, prendi queste ricchezze, che tu calpesti, e donale a quelli che ne hanno veramente bisogno. Dio ha creato questi beni perché tutte le Sue creature possano trovare di che vivere al riparo della necessità, e non perché uno solo ne usufruisca più degli altri."

Allora, le guardie posarono le loro armi, i muratori cessarono il loro lavoro, la gente si avvicinò, e si divisero le ricchezze, a ciascuno secondo le sue necessità.

Recitarono alternativamente il Salmo

Quando non c'è più speranza, resta sempre l'amicizia.
*La ricchezza dell’anima non può essere uguagliata dalle ricchezze di questo mondo infimo.
Porteranno le loro montagne d'oro nell'altra vita?
*La vita vi ha insegnato a ripudiare la vostra mano sinistra per usare la destra?
È lo stesso per i tesori che Dio ha creato per noi.
*Che le ricchezze materiali siano vostre,
poiché Dio, per amore dei Suoi figli, ne ci ha fatto dono.
*Ma non dimentichiamo mai che non c’è tesoro più bello dell'amicizia

e la Preghiera

San Giorgio Arcangelo,
angelo dell'amicizia
aiutami, durante l'arco di questa giornata,
ad accettare tutti come amici,
anche, e soprattutto, le persone moleste.
Dammi la capacità e la forza di rendere bella la giornata
a tutti quelli che si porranno sul mio cammino.


Giungendo infine all'Invocazione Finale

Giorgio, Arcangelo dell'amicizia, *difendici da Belzebù, demone, dell'avarizia

_________________


Monsignora Jalisse Borgia Hohenstaufen
Monaca Capitolare dell'Abbazia di Fornovo
Arcivescovo di Siena
Prefetto dell'Inquisizione
Decano della Facoltà di Teologia dell'Università della Repubblica di Firenze

Visitate l'Abbazia Cistercense di Fornovo

Jalisse
Confessore dell'Abate
Confessore dell'Abate

Messaggi : 3795
Data d'iscrizione : 10.11.14
Località nei RR : Volterra

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Angelus (terza settimana del mese)

Messaggio  pamelita Ieri a 4:47 pm

Suonata la campana di mezzodì, Madre Pamela lasciò le proprie occupazioni e raggiunse la cappella dove, insieme all'Abate e ai confratelli, recitò l'Angelus,


aprendo la preghiera con l'Invocazione a San Michele Arcangelo:


Michele, Arcangelo della Giustizia, *difendici da Satana, demone dell'Invidia.


Proclamò poi la Lettura propria del giorno:

Quando i suoi amici furono al sicuro, egli restò solo e per sei giorni salvò coloro che potevano essere salvati.
Il settimo giorno c’erano ancora persone da salvare ma nessuna barca. Come per miracolo apparvero altre due imbarcazioni, egli invitò dunque coloro che avevano il cuore puro a salire su queste barche. Sembrava capace di leggere nel cuore della gente se la loro fede era reale e inviava sulla prima barca coloro che giudicava degni e sulla seconda coloro che fuggivano per paura o per salvare le proprie ricchezze. Vedendo le due imbarcazioni piene, si rifiutò di salire, dicendo che Dio aveva una missione per lui e che sentiva di dover restare per salvare altri amici. Arrivata all’uscita della città la prima barca prese senza intoppi il largo, mentre la seconda più pesante per l’oro portato fu bloccata dai fondali bassi.


Recitarono, poi, a cori alterni, il Salmo:

Se il tuo occhio destro ti porta verso ciò che non ti è destinato
*strappalo e brucialo,
perché è meglio che una parte di te muoia
*piuttosto che attiri su di te la collera di Dio.
Sono venuto a portare le parole di speranza di Dio
*verso coloro che non si sono allontanati da lui
perché numerose sono le comunità di fedeli
*che percorrono il mondo in attesa dei profeti
che li riuniranno nell’amore
*e nell’amicizia.



Innalzarono, quindi, laPreghiera all'Altissimo:

Signore, imploriamo la tua misericordia,
una misericordia che illuminerà i nostri cuori,
ci farà comprendere i nostri errori,
ci guiderà verso la strada della giustizia
e ci allontanerà dal peccato.
Benedici la Chiesa e tutti i tuoi figli
e fai in modo che l'amicizia
sia la guida che ci conduce, la giustizia lo scopo che perseguiamo e la pace il bene che troviamo.
San Michele Arcangelo,
angelo della Giustizia,
quando siamo prigionieri dell’odio e dell’invidia,
della menzogna e dell’ingiustizia,
aiutaci a tornare sulla via della virtù.



Concluse, infine, la recita dell'Angelus con l'Invocazione Finale:

Michele, Arcangelo della Giustizia, *difendici da Satana, demone della Superbia.

Terminata la recita dell'Angelus, si recò, insieme all'Abate e ai confratelli, in refettorio per il pranzo.

pamelita
Definitore Generale
Definitore Generale

Messaggi : 3988
Data d'iscrizione : 28.08.12
Località nei RR : Pavia ( ducato di Milano)-Vicario Generale dell'Arcidiocesi di Milano-Vescovo di Pavia.

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Angelus (terza settimana del mese)

Messaggio  Jalisse Oggi a 6:08 am

Suonata la campana di mezzodì, Madre Jalisse  lasciò le proprie occupazioni e raggiunse la cappella dove, insieme all'Abate e ai confratelli, recitò l'Angelus,

del MERCOLEDI'

aprendo la preghiera con l'Invocazione a San Michele Arcangelo:


Michele, Arcangelo della Giustizia, *difendici da Satana, demone dell'Invidia.


Proclamò poi la Lettura propria del giorno:

Quando i suoi amici furono al sicuro, egli restò solo e per sei giorni salvò coloro che potevano essere salvati.
Il settimo giorno c’erano ancora persone da salvare ma nessuna barca. Come per miracolo apparvero altre due imbarcazioni, egli invitò dunque coloro che avevano il cuore puro a salire su queste barche. Sembrava capace di leggere nel cuore della gente se la loro fede era reale e inviava sulla prima barca coloro che giudicava degni e sulla seconda coloro che fuggivano per paura o per salvare le proprie ricchezze. Vedendo le due imbarcazioni piene, si rifiutò di salire, dicendo che Dio aveva una missione per lui e che sentiva di dover restare per salvare altri amici. Arrivata all’uscita della città la prima barca prese senza intoppi il largo, mentre la seconda più pesante per l’oro portato fu bloccata dai fondali bassi.


Recitarono, poi, a cori alterni, il Salmo:

Se il tuo occhio destro ti porta verso ciò che non ti è destinato
*strappalo e brucialo,
perché è meglio che una parte di te muoia
*piuttosto che attiri su di te la collera di Dio.
Sono venuto a portare le parole di speranza di Dio
*verso coloro che non si sono allontanati da lui
perché numerose sono le comunità di fedeli
*che percorrono il mondo in attesa dei profeti
che li riuniranno nell’amore
*e nell’amicizia.



Innalzarono, quindi, laPreghiera all'Altissimo:

Signore, imploriamo la tua misericordia,
una misericordia che illuminerà i nostri cuori,
ci farà comprendere i nostri errori,
ci guiderà verso la strada della giustizia
e ci allontanerà dal peccato.
Benedici la Chiesa e tutti i tuoi figli
e fai in modo che l'amicizia
sia la guida che ci conduce, la giustizia lo scopo che perseguiamo e la pace il bene che troviamo.
San Michele Arcangelo,
angelo della Giustizia,
quando siamo prigionieri dell’odio e dell’invidia,
della menzogna e dell’ingiustizia,
aiutaci a tornare sulla via della virtù.



Concluse, infine, la recita dell'Angelus con l'Invocazione Finale:

Michele, Arcangelo della Giustizia, *difendici da Satana, demone della Superbia.

Terminata la recita dell'Angelus, si recò, insieme all'Abate e ai confratelli, in refettorio per il pranzo. Un gustoso odore deliziava l'atmosfera.

_________________


Monsignora Jalisse Borgia Hohenstaufen
Monaca Capitolare dell'Abbazia di Fornovo
Arcivescovo di Siena
Prefetto dell'Inquisizione
Decano della Facoltà di Teologia dell'Università della Repubblica di Firenze

Visitate l'Abbazia Cistercense di Fornovo

Jalisse
Confessore dell'Abate
Confessore dell'Abate

Messaggi : 3795
Data d'iscrizione : 10.11.14
Località nei RR : Volterra

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Angelus (terza settimana del mese)

Messaggio  Contenuto sponsorizzato Oggi a 10:07 am


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 16 di 16 Precedente  1 ... 9 ... 14, 15, 16

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum